I Quadri di Pietro Barilla. Capolavori dalla Collezione Barilla d’Arte Moderna alla Pinacoteca Stuard di Parma. Un esempio grandioso di fare collezionismo.

barilla2CBAM-022-Giorgio-Morandi-1890-1964-Paesaggio-1941-600x673IMG20150708112642728_900_700Pedrignano-Parma-Sede-Gruppo-Barilla-Mario-Ceroli-1938-Cavallo-1984-600x427Image.ashxCBAM-004-Umberto-Boccioni-1882-1916-Il-romanzo-di-una-cucitrice-1908--600x538CBAM-006-Giorgio-De-Chirico-1888-1978-Le-consolateur-1929-600x908152357922-d2eb8d83-110d-42eb-b2e3-fa273768ef77

Nell’ambito delle iniziative di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, è stato inaugurato alla Pinacoteca Stuard, il progetto espositivo I Quadri di Pietro. Capolavori dalla Collezione Barilla d’Arte Moderna, a cura di Giancarlo Gonizzi, voluto e organizzato dal Comune di Parma e dalla Famiglia Barilla che mette in mostra, per un anno, alcune delle più interessanti opere della Collezione Barilla di Arte Moderna, non esposte al pubblico da più di 25 anni. Dodici delle opere più amate da Pietro Barilla saranno esposte a cadenza mensile nelle sale della Pinacoteca Stuard, fino al 31  dicembre 2020, per raccontare, attraverso il pennello […]

  

La lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura. What a wonderful world. L’affascinante mostra a Palazzo Magnani e ai Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia.

01 - Henri Matisse04 – Andy Warhol06 -  Victor Vasarely02 - Keith Haring11 - Pablo Picasso10_4707_53??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

L’esposizione è un affascinante percorso nella lunga storia dell’Ornamento tra arte e natura, dall’età antica ai grandi protagonisti della storia dell’arte, con opere di autori quali Albrecht Dürer, Leonardo da Vinci, Giovan Battista Piranesi, William Morris, Koloman Moser, Maurits Cornelis Escher, Pablo Picasso, Henri Matisse, Giacomo Balla, Andy Warhol, Keith Haring, Peter Halley, Shirin Neshat. L’esposizione rivela i significati profondi dell’Ornamento, visto non più come semplice e superficiale abbellimento, ma quale fenomeno che investe la quotidianità e il nostro rapporto con la dimensione estetica, attraversando processi storici sottesi, intrecci tra culture, prestiti di natura filosofica, sociologica e antropologica. Fino  all’8 […]

  

Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre. La grande retrospettiva a Livorno nel Museo della Città, terra natale dell’artista, in occasione del centesimo anniversario della sua scomparsa. Anche un Convegno su “Modigliani ebreo livornese”.

indexMostra Modigliani, taglio del nastro al Museo della CittàMODIGLIANI-28-1024x683modigliani10immagini.quotidiano.net.jpgcccimmagini.quotidiano.netModigliani-1-1Paulette Jourdain, by Amedeo ModiglianiimagesFotogramma_Modigliani_Livorno_HEROmodigliani-2modigliani-3index.jpgbb

E’ stata presentata, alla presenza del sindaco di Livorno Luca Salvetti, dell’assessore alla cultura Simone Lenzi, del curatore della mostra Marco Restellini e del coordinatore del progetto Sergio Risaliti la mostra  Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre. L’esposizione, fortemente voluta dal Comune di Livorno, ha l’obiettivo di far ritornare nella sua città natale “Dedo” in occasione del centesimo anniversario della sua scomparsa. Era il 22 gennaio 1920 quando Amedeo Modigliani è ricoverato, incosciente, all’ospedale della Carità di Parigi dove muore, due giorni dopo, all’età di 36 anni, di meningite tubercolare, malattia incurabile al tempo, che […]

  

Il modello nero da Géricault à Matisse. Al Musée d’Orsay di Parigi in mostra l’affascinante iconografia che identifica la “negritudine”.

01.-Benoist_Portrait-de-Madeleine02.-Delacroix_Aspasie07.-Cordier_Homme-du-Soudan-françaisbig.jpgggg18.-Vallotton_Aïcha06.-Carpeaux_Pourquoi-naître-esclaveA32212.jpg17.-Douanier-Rousseau_Charmeuse-de-serpentgriot-mag-olympia-manet-mosra-donne-neri-museo-dorsay-parigi-le-model-noir-1024x683griot-mag-il-modello-nero.-da-gericault-a-matisse-e-la-mostra-di-cui-cera-bisogno-jeanne-duval-manet-1024x822modello-nero-orsay-9-590x443modello-nero-orsay-8-500x590

Con  un approccio veramente multidisciplinare, tra storia dell’arte e storia delle idee, questa mostra si concentra sulle problematiche estetiche, politiche, sociali e razziali, oltre che sull’immaginario sotteso alla rappresentazione delle figure nere nelle arti visive, dall’abolizione della schiavitù in Francia (1794) fino ai nostri giorni. Pur offrendo una prospettiva d’insieme, essa si sofferma in particolare su tre periodi cruciali: l’era dell’abolizione (1794-1848), il periodo della Nuova pittura fino alla scoperta, da parte di Matisse, del Rinascimento di Harlem e, infine, i primordi delle avanguardie novecentesche e le successive generazioni di artisti post-bellici e contemporanei. Organizzata in collaborazione con la Wallach […]

  

La celebre Inge Morath prima donna fotografa dell’agenzia fotografica Magnum Photos, in una grande retrospettiva italiana a Treviso.

ISRAEL. Jerusalem. 1958. Inge Morath, Austrian photographer. Self-portrait.PAR36863Iran1956-640x421NYC48458AlbertoGiacometti1958-640x410PAR29998Hepburn195987903-h_21_NYC11340_USA. New York City. 1957. A Llama in Times Square.PAR22792MrsNash1953-640x429NYC112089Steineberg1961

Casa dei Carraresi di Treviso accoglie, dopo il successo della mostra su Elliott Erwitt ed i suoi cani, la prima grande retrospettiva italiana (aperta fino al 2 giugno 2019) di Inge Morath, la prima donna ad essere inserita nel cenacolo, all’epoca tutto maschile, della celebre agenzia fotografica Magnum Photos. Impropriamente nota alle cronache più per aver sostituito la mitica Marilyn Monroe nel cuore dello scrittore Arthur Miller, divenendone moglie e compagna di vita, è stata in realtà soprattutto una straordinaria fotografa ed una fine intellettuale. Il suo rapporto con la fotografia è stato un crescendo graduale: dopo aver lavorato come […]

  

“Picasso. L’opera ultima. Omaggio a Jacqueline”. Una mostra strepitosa e illuminante alla Fondazione Giannada di Martigny (Svizzera).

333mostra-pablo-picasso--3-indexindex3h_300

La Fondation Pierre Giannada a Martigny  in Svizzera, ha messo in piedi per la cura di Jean- Louis Prat, già direttore della Fondazione Maeght, una approfondita e bellissima mostra  “Picasso. L’opera ultima. Omaggio a Jacqueline”. E’ una di quelle mostre rare da trovare per la completezza con cui è stata messa in piedi. Dal titolo si estrapola che tutta l’esposizione  è un omaggio non solo a Jacqueline Roque, la donna che Pablo Picasso conobbe nel 1952,  che divenne sue moglie nel 1961 e  moriva trent’anni fa, esattamente il 15 ottobre 1986.      Nell’anniversario la Fondation Pierre Gianadda presenta un insieme strepitoso […]

  

La collezione d’arte di Sting all’asta.

sting-resized

                                                                                                                           Si sa che la routine porta noia, stanchezza, voglia di cambiamento. Vale nel lavoro, vale nella vita in genere, vale nel progettare e costruire quanto si fa insieme anche in famiglia.  Così pare anche per la voglia di cambiamenti […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020