Il Forte di Monte Ricco riaperto dopo un secolo di abbandono. Una perla architettonica, storica e culturale della terra cadorina, nella regione dolomitica.

unspecified47_Facciata-del-Forte-illuminata-a-notte_Foto-Giacomo-De-Donà-1024x6818_Fossato_Foto-Giacomo-De-Donà-300x1993_Copertura-e-corte-interna-del-Forte_Foto-Giacomo-De-Donà-1024x700300x204x1_Il-Forte-di-Monte-Ricco-prima-del-restauro_Foto-del-Comune-di-Pieve-di-Cadore_1000-300x204.png.pagespeed.ic.nxCDXGXCRHunspecified1unspecified6unspecified7

I titoli attribuiti al Comune di Pieve di Cadore di Città veneta della cultura 2004 e di Città murata non fanno che confermare la sua vocazione culturale e il suo patrimonio storico sul quale predomina la presenza di Tiziano Vecellio. L’altura di Monte Ricco fin dall’epoca romana è stata legata e ha determinato lo sviluppo dell’abitato sottostante, con il suo castello prima e poi con il sistema dei due forti ottocenteschi: Batteria Castello e Monte Ricco. Ora, dopo un secolo di abbandono nella consapevolezza che la valorizzazione del proprio patrimonio culturale costituisca un modello di economia del turismo, la sommità […]

  

Il Crocifisso di Cividale e la scultura lignea nel Patriarcato di Aquileia al tempo di Pellegrino II (secoli XII e XIII). Una mostra a Cividale del Friuli ne svela inediti capolavori.

Di eccezionale valore storico e interesse  non  comune la mostra che si tiene  presso il Museo Nazionale di Palazzo de Nordis a Cividale del Friuli (oggi sito Unesco) fino al 12 ottobre 2014.  L’esposizione nasce da un’indagine scientifica decennale avviata sulla scultura lignea di epoca tardoromanica (secoli XII e XIII) nell’Alto Adriatico e nelle Alpi centro-orientali. Lo studio si è orientato in particolare sulle opere degli antichi domini del Patriarcato di Aquileia, di cui l’imponente Crocifisso del Duomo di Cividale costituisce la testimonianza più illustre, un autentico capolavoro che, già venerato fin dalle origini,  è divenuto  prototipo per altri esemplari […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020