Gli Italiani e la Moda 1860-1960. La storia del costume italiano in una favolosa mostra al Museo civico di Palazzo della Penna a Perugia.

mostramodaxGli-italiani-e-la-moda-in-mostra-320x320_jpg_pagespeed_ic_h_p_R_8zXO60504_Gli%20Italiani%20e%20la%20moda%201860-1960_Tyron%20Power%20(886x1200)-696x385cae1277659ebdbe2a41eab99e320b4b7bellissima-mostra-roma93819-modaIMG_1850untitledimg800-gli-italiani-e-la-moda-in-300-scatti-un-secolo-di-evoluzione-del-costume-in-mostra-a-stra-116754

La mostra accompagna i visitatori in un viaggio nella storia del costume italiano, dall’alba dell’unità nazionale al primo decennio della Repubblica, attraverso oltre 150 fotografie, 20 abiti, 20 bozzetti storici e numerosi oggetti e apparecchi fotografici originali. L’esposizione si tiene al Museo Civico di Palazzo della Penna e sarà visitabile fino all’8 settembre 2019. E’ possibile ammirare la moda che ha contraddistinto la società italiana: l’Ottocento, con le donne borghesi chiuse in abiti con stretti corsetti e ampie gonne sorrette da apposite crinoline, ornate da pizzi e merletti; le popolane, avvolte in ampi scialli e lunghe gonne che scendono fino […]

  

Cesare Franchi detto il Pollino, celebre miniaturista cinquecentesco. Pregevoli opere esposte alla Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia ne raccontano la vicenda creativa.

Sacra Famiglia e santiMartirio san LorenzoDanza di bambineAssunzione della VergineBaccanale di putti

La Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia dedica una mostra, dal titolo “Atomi e nuvole”, aperta fino al 19 giugno 2019, al miniatore perugino Cesare Franchi detto il Pollino, raffinato artista cinquecentesco che rappresenta, in questo ambito, una delle eccellenze dell’arte europea. Notissimo ai suoi tempi, andò incontro a una fine tragica, poiché resosi colpevole di un omicidio compiuto a Perugia durante il Carnevale, fu giustiziato presso “la fonte di piazza” lunedì 20 febbraio 1595. Cesare Franchi dipinse le sue miniature con sorprendente minuziosità e raffinatezza, realizzando nel piccolo formato scene molto elaborate e popolate di numerosissime figure. Per guardare questo […]

  

I Polittici di Hans Hartung in mostra alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia. Le radici del segno nelle grandi opere dell’astrattista europeo.

Hans-Hartung-1000x58004 - Hans Hartung06 - Hans Hartung09 - Hans Hartung08 – Hans Hartung03c - Hans Hartung

E’ aperta fino al 7 gennaio 2018, alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia  la mostra che celebra HANS HARTUNG (Lipsia, 1904 – Antibes, 1989), una delle figure di spicco dell’astrattismo europeo del Novecento. Vi assicuro che è una delle più belle e interessanti mostre dell’anno, da non tralasciare assolutamente.   La rassegna, curata da Marco Pierini, direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria, organizzata in collaborazione con la Fondation Hartung-Bergman di Antibes, presenta 40 lavori su carta e 16 dipinti di grandi dimensioni, realizzati tra 1961 e 1988 (sei dei quali mai esposti prima) e a Perugia mostrati per la prima volta […]

  

Capolavori del Sassoferrato, dal Louvre a San Pietro. La collezione riunita. Torna a casa l’Immacolata Concezione, capolavoro del Salvi.

sassoferrato-annunciazioneimages44sassoferrato-trasporto-cristosgarbi-2small55smallsassoferrato-santa-caterina-e-gesu-300x258small77sassoferrato-santa-barbara-150x150sassoferrato-santa-apollonia-150x150DSC5296-Betsabea-150x150

Dopo più di due secoli torna a casa L’Immacolata Concezione, capolavoro di Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato. La magnifica pala, oggi nel Museo del Louvre, venne trasferita in Francia da Dominique-Vivant Denon, direttore del Musée Napoleon; da allora non è più rientrata in Italia. Era tra i tesori della millenaria abbazia benedettina di San Pietro a Perugia. A ottenere il rientro dell’opera, naturalmente temporaneo, è stata la Fondazione per l’Istruzione Agraria, presieduta dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, professor Franco Moriconi. L’ Immacolata Concezione del Louvre è ora  esposta accanto a una quarantina di dipinti, in parte […]

  

L’Annunciazione di Alvaro Pires da Evora, doppia tavola capolavoro quattrocentesco del maestro portoghese, entra nella Galleria Nazionale dell’Umbria grazie a un lascito di Franco Buitoni.

Alvaro-Pires-da-Evora-Annunciazione-particolareAlvaro-Pires-da-Evora-Annunciazione-1lascito-franco-buitoni-galleria-nazionale201703171464Lannunciazione-di-pires-da-evora-sulle pagine-di-tracce-cahiers-dart-rivista-darte

Da  marzo 2017, le collezioni della Galleria Nazionale dell’Umbria si sono arricchite  di un nuovo straordinario capolavoro. Si tratta dell’Annunciazione di Álvaro Pires da Évora  giunto  al museo perugino grazie a un generoso lascito di Franco Buitoni (1934-2016), noto imprenditore, nonché grande mecenate nel mondo della cultura. “Ricordare Franco – afferma Ilaria Borletti Buitoni, sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali e vedova di Franco Buitoni – in un’occasione che unisce due temi della sua vita: l’arte e la sua città, è facile ma non scontato perché profondo e inaspettato nelle sue coloriture era il rapporto che aveva con entrambe. L’arte […]

  

“Il paesaggio con fiume” di Leonardo in mostra per il Cinquecentesimo anniversario della morte dell’artista, a Vinci nel 2019 e a Perugia nel 2020.

400px-Paisagem_do_Arno_-_Leonardo_da_Vinci47c26ebbb1d628243b3cc77d4b558d2b

Nei giorni scorsi, il disegno di “Paesaggio con fiume” di Leonardo da Vinci, datato 5 agosto 1473 (oggi conservato al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi con il numero di inventario 8 P), è tornato al centro dell’attenzione. Infatti la ricerca del paesaggio raffigurato sul recto – considerato tra i più precoci esempi di paesaggio puro nell’arte occidentale – dalla Toscana si è ora allargata verso l’Umbria, senza peraltro escludere che l’artista, come sostenuto da parte della critica, nei suoi brani di paese avrebbe potuto rivisitare con la memoria vari luoghi già visti, interpolando tra loro […]

  

San Francesco e la Croce. Capolavori del Duecento e del Trecento a Perugia presso la Galleria Nazionale dell’Umbria.

71283488593b604bddeda914f62f4a1b7c1fd442_giovanni_modena_ridimages889images5images80images667

La Sala Podiani della Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia ospita fino al 29 gennaio 2017  una preziosa esposizione che documenta lo sviluppo della croce dipinta, a partire dagli anni Settanta del Duecento fino al primo ventennio del secolo successivo, in cui il motivo iconografico si legò sempre più frequentemente alla figura del grande  Francesco d’Assisi, spesso rappresentato ai piedi della croce, in adorazione del Cristo. La mostra, dal titolo “Francesco e la Croce dipinta”, curata da Marco Pierini, direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria, col patrocinio della Basilica Papale e Sacro Convento di S. Francesco in Assisi e della Regione Umbria, […]

  

L’italiano regionale dell’ex prefetto di Perugia Antonio Reppucci.

Quante Italie ci sono in Italia! Da cosa lo si deduce? Bene, la tv nazionale ci propina tante di quelle uscite di soloni e burocrati che a sentirli parlare viene il voltastomaco. Allora, tanto per intenderci, in Italia sono pochissimi quelli che sanno parlare in lingua italiana, dico pochissimi, perchè tanti, invece, parlano l’italiano regionale, carico di inflessioni regionali, che lasciano, così, subito intendere la regione di provenienza. Totò insegna. Pensate a quanti studenti dei nostri licei si devono sorbire docenti che parlano con queste ridicole inflessioni. Certo, questo non è italiano. Specie oggi che si chiede agli immigrati, quando […]

  

Un capolavoro di Canova distrutto a Perugia. Un danno irreparabile per le Belle Arti italiane.

Oltre alla malasanità, da sempre diciamo che in Italia c’è la malacultura. E già, perchè non si fa nulla, il ministero preposto men che meno, quel poco che si fa appartiene a quel capitolo del cosiddetto mostrificio italiano che vede progettate mostre-cassetta di bassissimo livello  con l’inserimento di un qualche  capolavoro, e poi di quell’artista poche cose dozzinali.  Ma sentite cosa è successo poco più di un mese fa ad Assisi,  e la notizia non solo è sfuggita a tv e giornali ma neppure il Ministero dei Beni e delle Attività culturali s’è degnato di posizionarla sul suo sito dove […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019