Pinturicchio. Madonna col Bambino. In mostra nella Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia il famosissimo dipinto che era stato trafugato.

93863-Pinturicchio_Perugia_001

  Torna a Perugia il dipinto su tavola “Madonna col Bambino”, trafugato nel 1990 e attribuito al Pinturicchio. L’opera, che resterà esposta nella Galleria Nazionale dell’Umbria fino  al 26 gennaio 2020, è rientrata in Italia grazie all’efficace opera di diplomazia culturale condotta dal Ministero per i Beni e le attività culturali e all’attività investigativa dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio culturale.  “Questo ennesimo recupero mi rende particolarmente contento – ha detto in un video messaggio il Ministro  – sia perché un altro frammento del nostro immenso patrimonio culturale è tornato nel nostro Paese, sia perché sarà possibile renderlo fruibile, per […]

  

La Galleria Nazionale dell’Umbria compie cento anni (1918-2018). Ora tutta l’Umbria è in mostra a Perugia.

Antonio da Fabriano, Crocifisso. 1452 tempera dipintaMadonna con il Bambino e San Giovanni Battista, Scuola peruginesco-pintoricchiesca, prima metà del sec. XVI, tempera su tavolaGentile da Fabriano. 1420-23. tempera su tavolaAnonimo del XV secolo, San Sebastiano. Legno di pioppo dipinto a tempera, XV secolo.Ottaviano Nelli, Madonna con Bambino, Trinita', santi, Cherubini. 1403. Tempera su tavola04, fine del restauro- ph. S. BelluGonfalone di Corciano, Bendetto Bonfigli, 1472. tempera su telaPietro Perugino, San Girolamo. 1470-80, affresco staccato

L’esposizione ripropone, attraverso 130 opere di autori quali Arnolfo di Cambio, Gentile da Fabriano, Niccolò di Liberatore, Benozzo Gozzoli, Pintoricchio e Perugino, la sorprendente ricchezza di forme d’arte che fiorirono in Umbria tra Medioevo e Rinascimento. Nel 2018 si celebrano i cento anni della Galleria Nazionale dell’Umbria, uno dei più importanti musei d’Italia – fondato il 17 gennaio 1918 – che vanta una straordinaria collezione di capolavori di artisti come Duccio, Beato Angelico, Piero della Francesca, Pintoricchio, Perugino e Pietro da Cortona. Molte sono le iniziative in programma per celebrare l’evento, pensate per promuovere e valorizzare l’arte della regione, con […]

  

Il Bambin Gesù delle Mani, esposto a Cortina. Parte di uno scandaloso capolavoro del Pinturicchio voluto da Papa Alessandro VI Borgia.

095935171-a9dc1d92-6742-4582-80c3-708e35ca1b53gesc3b9-bambino-benedicente-pinturicchioAlexander_VI_guiliascansione0008094832141-55a42894-9f42-4b33-beba-34d5a53802a9

Tutto nasce tra i segreti delle stanze vaticane, perché esso stesso è stato un segreto -e che segreto- ,poi una donna dalla folgorante bellezza, e ancora uno dei papi più discussi della storia, infine un pittore sublime e un quadro nascosto per secoli. Ora il “ Il Bambin Gesù delle Mani” del Pinturicchio è in mostra a Cortina d’Ampezzo, Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, fino al 31 gennaio 2016, con il mistero, la storia e il fascino dei tempi potrà essere finalmente ammirato. Inizialmente si pensava che fosse una leggenda, impossibile che un’opera così scandalosa potesse essere stata realizzata, ma […]

  

“Raffaello. Il Sole delle Arti”. Torino celebra il pittore urbinate portando in mostra i più celebri capolavori.

raffaello_visione-di-ezechiele_32n6dvtjt6eae13147yo7300px-Three_Graces

Alla Reggia di Venaria Reale a Venaria-Torino ecco una mostra con i fiocchi. Fa parte di quell’autunno alle porte con grandi eventi culturali e mostre di forte impatto anche mediatico. “ Raffaello. Il sole delle arti”, aperta dal 26 settembre 2015 al 24 gennaio 2016, porta a Torino alcuni dei più celebri capolavori del pittore urbinate. Il fulcro della mostra è costituito da un nucleo di celebri capolavori di Raffaello, che evocano il racconto della sua prodigiosa carriera artistica, le persone che ha conosciuto, le diverse città dove ha vissuto. Vengono così illustrati gli anni della formazione, tra Urbino e […]

  

Il Pavimento del Duomo di Siena. Un capolavoro da scoprire per la sua Divina Bellezza.

La magnifica Cattedrale di Siena, a partire da questi giorni, corso il Palio dell’Assunta, fino al 27 ottobre, “scopre” il suo Pavimento a commesso marmoreo straordinario, unico, non solo per la tecnica utilizzata, ma anche per il messaggio delle figurazioni, un invito costante alla Sapienza. Abitualmente, il prezioso tappeto di marmo è protetto dal calpestio dei visitatori e dei numerosi fedeli. Si tratta del pavimento “più bello…, grande e magnifico”, che mai fosse stato fatto, secondo la nota definizione del Vasari, fra i più noti scrittori d’arte. È il risultato di un complesso programma iconografico realizzato attraverso i secoli, a […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019