Roy Lichtenstein, artefice mondiale della Pop Art Americana. Alla Fondazione Magnani Rocca di Parma ottanta opere di un maestro del XX secolo.

Roy-Lichtenstein-Crying-Girl-1963-©-Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018-150x150Robert-Indiana-FOUR-1965-acrilico-su-tela-61-x-612-cm.-150x150Allan-DArcangelo-Smoke-dream-1-1963-olio-su-tela.-150x150Mel-Ramos-Doll-1964-olio-su-tela.-150x150Roy-Lichtenstein-Sweet-Dreams-Baby-1965-©-Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018-150x150Roy-Lichtenstein-Little-Aloha-1962-acrlico-su-tela.-Photo-by-Robert-McKeever-©-Estate-of-Roy-Lichtenstein-SIAE-2018.-150x150James-Rosenquist-1947-1948-1950-olio-su-masonite-1960-762-x-2223-cm.-150x150Tom-Wesselmann-Smoker-1971-vinile-colorato-su-pannello-cm-144x160.-150x150

La Fondazione Magnani-Rocca presenta una retrospettiva dedicata ad uno dei più grandi artisti del XX secolo: Roy Lichtenstein. Il genio della POP ART americana che ha influenzato grafici, designer, pubblicitari ed altri artisti contemporanei tanto che ancora oggi è possibile riscontrare riferimenti allo stile di Lichtenstein in ogni ambito del design e della comunicazione. Una mostra – allestita alla Villa dei Capolavori, sede della Fondazione a Mamiano di Traversetolo presso Parma –  che riunisce oltre 80 opere del Maestro e degli altri grandi protagonisti della Pop Art americana; per evidenziare sia la sua originalità che l’appartenenza a uno specifico clima, […]

  

Il regalo di Jim Dine al British Museum. Il celebre esponente della Pop Art americana ha regalato a Londra 234 opere.

2(32)untitledimages.jpg1images.jpg2untitled.png6imagesI0WCUR1RimagesimagesZJXLTV09imagesHGD62KF5

Jim Dine (Cincinnati 1935), celebre esponente della pop art americana e, secondo alcuni, del movimento neodadaista, ha regalato oltre 200 dei suoi dipinti al dipartimento stampe e disegni del British Museum. La collezione, che costituisce la donazione più importante del 2014-2015, comprende molti dei dipinti che hanno reso famoso l’artista dell’Ohio: chiavi inglesi, seghe, accappatoi, pennelli i soggetti preferiti da Dine, che lui ritrae come metafore di se stesso utilizzando vari mezzi espressivi, dalle xilografie, alle acqueforti fino alle litografie. Divenuto famoso grazie ai suoi happening, Dine prese parte alla mitica esposizione “New Painting of Common Objects” al Pasadena Art […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019