Il performer spagnolo Abel Azcon espone a Roma il suo corpo messo in vendita. Estreme performance che vanno oltre la body art.

1(119)3(37)970079700597008

               Si è inaugurata a Roma (il 16 novembre 2015) alla Galleria Rossmut, e per la prima volta in Italia, la personale di uno degli artisti-performer più controversi e discussi degli ultimi anni, lo spagnolo Abel Azcona, classe 1988; catalogo e mostra sotto la cura audace e mirata  di Diego Sileo. La mostra è il risultato della performance che Azcona ha realizzato in un albergo di Madrid il 28 e 29 marzo 2015. Dietro pagamento di 100 euro, 24 partecipanti hanno avuto a disposizione un’ora di intimità da passare senza limiti con l’artista. Il ricavato è stato successivamente donato ad […]

  

La prostituzione a Parigi tra Secondo Impero e Belle Epoque. Capolavori in mostra al Museo d’Orsay di Parigi svelano splendori e miserie.

image4imageimage2image5image1image9image8image7prostitutionedouardmanet-olympia1865Henri-de-Toulouse-Lautrec-1864-1901-au-moulin-rouge-1892.95-300x26107__forain_derriere_les_coulisses25__gacrame_intacrieur_grec1

Dopo aver esposto senza pudori il nudo maschile, anche con tendenza gay, (è dell’autunno 2013 la mostra «Masculin Masculin»), il Musée d’Orsay di Parigi, che continua a non porsi nessun tabù, con “Splendori e miserie. Immagini di prostituzione a Parigi” presenta capolavori, dipinti che raccontano l’amore a pagamento ed esponendo, nella scenografia del regista di teatro canadese Robert Carsen, i seni prosperosi e le gambe al vento delle prostitute e cortigiane che hanno ispirato gli artisti tra il Secondo Impero e la Belle Epoque, da Degas a Toulouse-Lautrec, da Manet a Gervex, fino a Derain, Kupka, Picasso, Munch, Vlaminck. Non […]

  

Con “Anticorpi”, la fotografia viscerale di Antoine D’Agata svela il mondo crudo del corpo, del sesso e dello sfruttamento

Mostra severamente vietata ai minori di anni 18. Così recita l’ingresso all’esposizione presso la Fondazione Forma di Milano di una selezione ampia di lavori fotografici di Antoine d’Agata, francese di Marsiglia, nato nel 1960 e trasferitosi a New York nel 1983, anche se dal 2005  non risiede in un luogo costantemente ma lavora in tutto il mondo. La mostra,  diciamolo subito, si rivela una grandissima mostra, ha per titolo “Anticorpi”, come  se lo spettatore dovesse, per l’appunto, esserne munito, per non lasciarsi contagiare  da questa violenza, da questa brutalità, da queste devianze, da quel sesso che avvolge con tanta crudeltà corpi […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020