Oscar Ghiglia fra gli artisti del Primo Novecento il più classico e moderno. Una monografica a Viareggio presenta capolavori preziosi.

Ghiglia-O.-Donna-che-si-pettina-La-camicia-bianca-1909-olio-su-tela-cm-61x585.02.Ritratto-della-moglie-Isa-Morandini-412129.014.tavola-imbandita.038.-Paulo-con-la-barca.

L’appuntamento  del Centro Matteucci per l’Arte Moderna a Viareggio  è, quest’anno, riservato ad Oscar Ghiglia, il più italiano ed insieme il più europeo degli artisti italiani d’inizio Novecento. Con una monografica selezionatissima che, accanto ai capolavori più noti di colui che, in modo del tutto personale, ha saputo aggiornare la lezione di Fattori, propone, per la prima volta, una ventina di opere fondamentali, che sino ad ora, mai erano uscite dai raffinati salotti di un collezionista d’eccezione. “Oscar Ghiglia. Classico e moderno”, così titola la mostra,  visibile al Centro Matteucci fino  al 9 dicembre 2018 . “In Italia non c’è […]

  

Aperta a Bologna la Biennale Giovani curata da Renato Barilli.

                                E’ stata inaugurata a Bologna la Biennale Giovani curata da Renato Barilli all’Accademia di Belle Arti di Bologna, per poi spostarsi al Museo della Città di Ravenna. Questa Biennale è abbastanza vicina al Progetto Officina Italia 2 pure titolata “nuova creatività italiana”. Tutto parte dalla immensa vitalità delle Accademie in Italia e soprattutto da giovani appena usciti da questi spazi pubblici, ovvero trentenni. Sono stati selezionati e vi partecipano ben 29 artisti, la scelta seguita in questa come in precedenti edizioni, è che oggi non esiste una tendenza dominante, ma siamo in presenza di un ampio spettro dove trova […]

  

La ripetizione differente. Una mostra storica e di svolta alla Fondazione Marconi di Milano.

 Lode alla Fondazione Marconi perchè ripropone al pubblico una rassegna tenutasi quarant’anni fa negli spazi dello storico Studio Marconi di via Tadino, costituito nel 1965, e ora sede della Fondazione; ha per titolo “La ripetizione differente” e fu curata dal collega Renato Barilli nel 1974. Il titolo era tratto da un saggio del filosofo francese Gilles Deleuze, ma in sostanza segnava un netto anticipo di quello che si sarebbe detto il “postmoderno”, o con termini più legati al mondo dell’arte, “citazionismo”, mode rétro, retour à. La citazione è stata definita da Antoine Compagnon come “la più potente figura postmoderna”. Citare […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019