Sam Havadtoy espone a Palazzo Bembo-Venezia in occasione della LVII Biennale d’arte di Venezia. Torna in scena Stalin.

04 - Sam Havadtoy, TRIOLOGY, 2016. pHOTOGRAPHER gYORGY dARABOS03 - Sam Havadtoy02 - Sam Havadtoy01 - Sam Havadtoy06 - Sam Havadtoy, Homage to the DIVINE MS. M M, 2016. Photographer Gyorgy Darabos05 - Sam Havadtoy, Portrait of Mr. & Mrs. T., 2016. Photographer Gyorgy Darabos

L’esposizione  visitabile fino al 26 novembre 2017 presenta 7 opere inedite di una delle personalità più interessanti e originali della scena newyorkese degli anni ’70-’80.  Il percorso espositivo ruota attorno a 3 sculture raffiguranti il busto di Stalin che si trasforma in Pinocchio e 4 porte decorate, una delle cifre più riconoscibili del suo lavoro, dove per la prima volta appaiono delle scritte. Venezia ospita in occasione della LVII Biennale d’Arte la personale di Sam Havadtoy, 18 – 17, parte del progetto PERSONAL STRUCTURES – Crossing Borders, organizzato da European Cultural Centre. Sam Havadtoy, nato a Londra nel 1952, cresciuto […]

  

Sam Havadtoy, l’artista americano che ama l’Italia. Da Mudima a Milano una rassegna di grande valore, che è un inno all’arte e alla storia del costume italiano.

Sam-Havadtoy-Only-remember-the-future-Fondazione-Mudima-Milano-31052016-78Fiat%20500images7Sam-Havadtoy-Only-remember-the-future-Fondazione-Mudima-Milano-31052016-65Sam-Havadtoy-Only-remember-the-future-Fondazione-Mudima-Milano-31052016-7745017-01_6706a_24images8images0

Non  lasciatevi sfuggire né il nome -ve lo ripeto, Sam Havadtoy-  né la mostra in corso a Milano da Mudima, è l’esposizione che da gennaio mi ha maggiormente colpito in città, anche se l’intera produzione dell’artista la conoscevo da tempo. La rassegna testimonia il vincolo che lega Sam Havadtoy alla cultura figurativa e letteraria dell’Italia, definita dallo stesso artista “il mio paese d’adozione”. A volte, vorrei fermarmi in un posto e mettere le radici;  ma ogni giorno mi offre nuove esperienze da provare. È difficile pensare di rinunciare a quello che il futuro ha in serbo per me. Mi ricordo […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019