Alessandro Nastasio. Intervista a un artista del nostro tempo che nell’arte ha trovato la bussola del vivere. Nello spettacolo della sua arte, i simboli e il mistero.

Nastasio1Nastasio2-e14615945613201170089033bUomo solare (minerale vegetale animale uomo)  Olio su tela (70x100)images11Susanna e i due vecchioni  Olio su tavola di compensato(70x70)Coppia di ballerini

1 D: Conosco la tua storia  di artista, vigile, creativo, colto, capace di sentire  e vivere la storia antica, moderna e contemporanea. Senti che la tua pittura, oggi, possa dire ancora qualcosa? R: E’ difficile essere Artista  e fare Arte giustamente. Molti problemi insoluti ci circondano  e ci stimolano a elaborare qualcosa che documenti il disagio in cui viviamo( anziani scomodi, colera politico, clandestini  e non immigrati, delinquenza, il sistema quotidiano,ecc.); difatti diversi anni orsono  tutto ciò l’ho denunciato  con due opere, “Il mito di Atlante” col suo carico esistenziale e  “ Il Mito di Sisifo”  col suo peso quotidiano. […]

  

Alessandro Nastasio. Artista fra i più nobili e creativi del nostro tempo, opera fra sacro e profano. Ottantenne, dal suo studio milanese si rapporta con il mondo e la storia.

Si copre Mosè  Olio su tela (50x70)Nastasio2images1images5images3Nastasio1imagesnastasio_alessandro-studio_per_rovo_o_dalia~OM24c300~10460_20100102_639_224

Poco più che ottantenne, Alessandro Nastasio, artista italiano e lombardo fra i più creativi del panorama artistico europeo, ha pubblicato un interessante volumetto dal titolo un po’ ironico “ Le Confusioni di un ottuagenario”; vi racconta la sua vita, dalla fanciullezza alla maturità e oltre, delineando incontri, trascorsi, figure familiari, artisti, galleristi, mercanti, mostre effettuate in mezzo mondo, e mille altre cose. E di questi tempi ha pubblicato una bellissima cartella cartonata in rosso dal titolo “Poesie Mistiche di Jalal al-Din Rumi(1207-1273)” con poesie di questo maestro del sufismo e sette sue xilografie originali acquerellate a mano che ne descrivono […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019