Aubrey Vincent Beardsley l’illustratore inglese dell’età vittoriana in una strepitosa mostra alla Tate Britain di Londra.

The-Yellow-Book-Volume-I-1894-Aubrey-Beardsley-exhibition-10-1583313786Frederick-Evans-Portrait-of-Aubrey-Beardsley-Aubrey-Beardsley-exhibition-74-1583313782Volpone-Adoring-his-Treasure-1898-Aubrey-Beardsley-exhibition-72-1583313786Salome-The-Peacock-Skirt-1893-Aubrey-Beardsley-exhibition-58-1583313784The-Black-Cape-1893-Aubrey-Beardsley-exhibition-60-1583313785The-Climax-1893-Aubrey-Beardsley-exhibition-17-1583313785MSL-338-Beardsley-SlippersOfCinderella-1-Aubrey-Beardsley-exhibition-79-1583313783The-Dream-1896-Aubrey-Beardsley-exhibition-41-1583313785

La Tate Britain presenta a Londra la più grande retrospettiva degli ultimi decenni, dedicata al lavoro di uno dei più importanti artisti britannici della fine dell’Ottocento,  Aubrey Beardsley. E’ la prima mostra alla Tate dedicata a Beardsley dal 1923, visitabile fino al 25 maggio 2020, e la più completa retrospettiva dei suoi disegni originali allestita in Europa dopo l’importantissima esibizione del 1966 al Victoria and Albert Museum, che ha risvegliato l’interesse e la curiosità nei suoi confronti. Aubrey Vincent Beardsley (1872–1898) è stato un illustratore, scrittore e pittore inglese, piuttosto influente negli ambienti teatrali all’epoca di Oscar Wilde. Negli ultimi […]

  

Alex Farquharson nuovo direttore della Tate Britain.

alex-farquharson-tate-britain

La Tate Britain ha finalmente nominato il nuovo direttore che prenderà il posto di Penelope Curtis, il cui mandato è stato spesso criticato. Alex Farquharson ha 45 anni ed è il fondatore di Nottingham Contemporary, tra le migliori e nuove gallerie del Regno Unito degli ultimi dieci anni (ha attirato oltre un milione di visitatori nei primi cinque anni). Nel commentare la nomina Farquharson ha affermato: “In quanto “casa” di 500 anni di arte britannica, la Tate Britain svolge un ruolo unico e affascinante nella vita culturale della nazione. Non vedo l’ora di lavorare con una squadra di curatori molto […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020