Il Museo della Follia a Napoli in mostra alla Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta. La Pazzia nell’Arte Moderna e Contemporanea.

carte-identità-250x300Il-museo-della-follia“Il-Museo-della-Follia”-alla-Pietrasanta-di-Napoli-640x4272-Museo-della-Follia-e143254916493872065-home_2_defD-Nous-souffrirons-tant-qu-il-faudra-acquerello-carboncino-e-tempera-cm.615x335-CMYK-RGB-1Jan-Sanders-Van-Hemessen-Il-chirurgo-1550-circa-Madrid-Museo-del-Pradofollia2museo-della-folliaphoto0jpg

A Napoli la mostra “ Il Museo della Follia”, curata da Vittorio Sgarbi allestita alla Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta a Napoli  di Napoli  aperta fino al 27 maggio 2018. Interessante la  presentazione alla stampa, alla quale hanno partecipato anche prestatori d’opera, collezionisti e sponsor, nella cripta della Basilica appena aperta e restaurata; un parterre di relatori eccellenti che hanno preceduto il curatore, quali  come  Monsignor Vincenzo de Gregorio rettore della chiesa, il magistrato  Nicola Graziano, lo psicologo Raffaele Morelli, il direttore del museo Madre Andrea Viliani e la direttrice dell’ospedale  Santobono Pausillipon Annamaria Minicucci al quale Diego […]

  

La Raccolta INGEGNOLI. Storia di una passione e di una collezione d’arte a Milano.

01 - Gerolamo Induno05 - Giovanni Fattori??????????????????????03 - Telemaco Signorini02 - Vincenzo Irolli10 - Angelo Morbelli06 - Giovanni Boldini11 - Ernesto Bazzaro

Una mostra deve essere anche educativa. Questa di cui ci aggiungiamo a scrivere lo è, per via di una sorta di educazione al bello, al gusto, una vera e propria lezione di storia dell’arte per chi ha manifestato il bisogno di mettere  in piedi e crearsi una collezione. L’esposizione in questione ripercorre le tappe che hanno portato alla nascita e allo sviluppo della celebre collezione milanese, attraverso una selezione di dipinti di autori dell’Ottocento italiano, tra cui Giovanni Boldini, Giovanni Fattori, Domenico e Gerolamo Induno, Angelo Morbelli. La storia di una collezione privata si lega con la storia della persona […]

  

Tra Guercino e De Nittis. Due collezioni italiane (marchigiana e piemontese) si incontrano in mostra a Domodossola.

64495-nonoCarlo-Fornara-Sole-dottobre--590x409Guercino-Sacra-Famiglia-590x461Francesco-Solimena-San-Giovanni-Battista-nel-deserto-590x484Leonello-SpadaTelemaco-Signorini-Stradina-a-Settignano-483x590

Casa De Rodis a Domodossola, dal 2014 sede espositiva della Collezione Poscio, ospita fino al   28 ottobre 2017 l’esposizione “Tra Guercino e De Nittis. Due collezioni si incontrano”. Non solo una mostra, ma un progetto di ampio respiro finalizzato a contribuire al restauro del patrimonio artistico marchigiano, seriamente compromesso dagli eventi sismici che hanno colpito la regione dall’agosto 2016. L’esposizione, realizzata in collaborazione con la Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno, racconta la storia di due collezionisti, Antonio Ceci (1852-1920) e Alessandro Poscio (1928-2013): chirurgo marchigiano di adozione pisana il primo, imprenditore piemontese con la passione per la pittura il secondo. […]

  

L’Aprile di Antonio Fontanesi e la rivoluzione del paesaggio. La lezione di un romantico in mostra a Milano.

Fontanesi A-AprileFontanesi A. - Aprile (Rive del lago di Bourget), olio su tela 102 x 153 cm (particolare 1)Fontanesi A. - Aprile (Rive del lago di Bourget), olio su tela 102 x 153 cm (particolare 4)Fontanesi A. - Campagna nel Delfinato, olio su tavola 26,5 x 39,6 cm

Le Gallerie Maspes di Milano (via Manzoni 45) ospitano un’esposizione dedicata a una delle opere fondamentali nell’evoluzione di Antonio Fontanesi (1818-1882) e nella storia della pittura europea di paesaggio del XIX secolo: “Aprile. Sulle rive del lago del Bourget, in Savoia” (1864). La mostra dossier, ideata da Francesco Luigi Maspes e curata da Piergiorgio Dragone, massimo esperto dell’artista reggiano e autore dei quattro volumi dedicati alla pittura piemontese dell’Ottocento, documenta la genesi di uno dei rari capolavori di Fontanesi ancora in collezione privata. Il dipinto ritorna protagonista di un appuntamento milanese, dopo l’esordio alla Promotrice di Torino nel 1864 e […]

  

Bell’Italia. Dipinti sul paesaggio dai Macchiaioli a Neovedutisti veneti in mostra a Caorle-Venezia.

108_1963_042. Astolfo Demaria Dal balcone centrale della Casa dei Tre Oci 1936 tempera su cartone cm 51x69 Venezia Fondazione di Vene094_1963_04????????033_1963_0445. Telemaco Signorini Combs la Ville 1873 c. olio su tela cm316x472 Butterfly Institute Fine Art????????????????????????23. Luigi De Giudici Paesaggio del Lido 1933 olio su tavola cm269x37 Collezione privata

Nonostante siano gli ultimi giorni di mostra dell’esposizione “Bell’Italia. La pittura di paesaggio dai Macchiaioli ai Neovedutisti veneti, 1850-1950” in corso al Centro Culturale Bafile di Caorle, l’evento non deve assolutamente passare inosservato, perchè intenditori, cultori della materia, amanti del bello e dell’arte possano trovare in questo fine settimana occasione di portarsi in visita. La bell’Italia, quella che spesse volte i politici o chi è preposto alla conservazione dei beni culturali trascura; quella che ha portato in Italia artisti e                     scrittori specie dal Settecento in poi nei grands tours. Il […]

  

Da Boldini a Segantini. Miracolo a Milano. Capolavori, eccellenze e riflessi dell’Impressionismo in Italia.

09%20–%20Federico%20Zandomeneghi03%20–%20Giuseppe%20De%20Nittis04%20–%20Gerolamo%20%20Induno06%20–%20Daniele%20Ranzoni

Fino al 28 giugno 2015, GAM Manzoni. Centro Studi per l’Arte Moderna e Contemporanea di Milano (via Manzoni 45) ospita la mostra “Da Boldini a Segantini. Riflessi dell’impressionismo in Italia”; sono presenti 35 opere, alcune mai esposte a Milano, di alcuni tra gli indiscussi protagonisti dell’arte italiana dell’Ottocento, provenienti da prestigiose collezioni private europee. La rassegna, curata da Enzo Savoia e da Francesco Luigi Maspes, permette di ammirare alcuni dei lavori più celebri dei maestri che hanno segnato l’arte italiana dell’800, quali Giovanni Segantini, Giovanni Fattori, Angelo Morbelli, Gerolamo e Domenico Induno, Mosé Bianchi, Giacomo Favretto, Guglielmo Ciardi, Giovanni Boldini, […]

  

Giovanni Fattori, il padre dei macchiaioli, in mostra a Lugano

Continuando il percorso di grandi rassegne e mostre monografiche Butterfly Institute Fine Art presenta una mostra che è l’una e l’altra, ovvero “Giovanni Fattori & Friends”, curata da Tiziano Panconi, premio Foedus alla carriera 2013. Dall’ 8 al 26 luglio 2014, difatti, la galleria luganese espone dieci importanti opere di Giovanni Fattori che possono essere considerate a tutti gli effetti una monografica d’eccellenza, cui fanno da corona altre opere di artisti toscani dell’epoca, quali i macchiaioli Telemaco Signorini, Vincenzo Cabianca e Ludovico Tommasi, poi Ruggero Panerai e Luigi Bechi, che in aperto dialogo con le opere del maestro livornese diventano […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2019