Tullio Pericoli e le Forme del Paesaggio italiano. Opere dal 1970 al 2018 nel prestigioso Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno.

tullio-pericoli-ascoli-piceno-1024x577palazzo-capitani-ascoli-picenoOpera-Tullio-Pericoli-768x57089325-9150_Ritornano-le-foreste_2017_55x558678_ST_2016_1072_Triassico_1971_2cover__id4856_w302_t1551432851__1x

Dopo il terremoto che l’ha drammaticamente colpita nel 2016, la città di Ascoli Piceno sceglie di celebrare se stessa attraverso l’opera dell’artista che, fra tutti, più ha reso omaggio alla sua terra. Così, oltre mezzo secolo dopo la sua prima personale,  torna nella prestigiosa sede di Palazzo dei Capitani che si fa luogo di un evento espositivo unico, aperto fino a maggio 2020.  Di questo artista colto e raffinato a cui tengo molto per la sua vivace attenzione al paesaggio italiano, attraverso una selezione di 165 opere, esposte nelle caratteristiche ambientali del prestigioso palazzo rinascimentale, ecco   svelate le mutazioni che l’immagine […]

  

Gli acquerelli di Tullio Pericoli illustrano un libro di favole del filosofo tedesco Benjamin. Le Tavole, unitamente al libro, ora esposte alla galleria Consadori di Milano.

bf62e3ca-41b2-4d17-b980-3d8520e9d0e4ahahhhhhhhhhhhhhhh241854da-5bdf-40ba-b2a0-3a474d1c5da547249806-b8e2-4e1d-8d47-e48719de548b

L’arte di Tullio Pericoli riserva sorprese inedite. Ora una mostra alla Galleria Consadori di Via Brera 2, aperta fino al 14 Marzo 2020, fa ritrovare i bellissimi acquerelli di Tullio Pericoli che accompagnano la pubblicazione del libro, “Sul farsi del mondo” di Tullio Pericoli e Walter Benjamin. La imprevista affinità elettiva è scoccata fra l’artista e il filosofo. L’occasione è nata dall’incontro fra gli acquerelli di Pericoli e due piccole “favole” di Benjamin tradotte da Elisabetta Dell’Anna Ciancia per le Edizioni Henry Beyle. Così Tullio Pericoli:“ C’è sempre uno strano coinvolgimento tra l’opera dipinta e la parola: la parola, quando […]

  

Tullio Pericoli e le forme del Paesaggio Marchigiano (1970-2018). Ascoli Piceno celebra il dopo terremoto con un evento espositivo unico a Palazzo dei Capitani.

1553254469168941Tullio-Pericoli-in-un-ritratto-di-Riccardo-Mannelli-Il-Martino-ilmartino.it-MArt-Arte-e-Cultura-Ascoli-mostra-Tullio-Pericoli.-Forme-del-Paesaggio-1970-2018-Palazzo-dei-Capitani-Il-Martino-ilmartino.it-MArt-Arte-e-Cultura--696x399Mostre: ad Ascoli opere Pericoli in 'Forme del paesaggio'rev183076(1)-ori

Dopo il terremoto che l’ha drammaticamente colpita nel 2016, la città di Ascoli Piceno sceglie di celebrare se stessa attraverso l’opera dell’artista che, fra tutti, più ha reso omaggio alla sua terra. Così, oltre mezzo secolo dopo la sua prima personale, Tullio Pericoli torna nella prestigiosa sede di Palazzo dei Capitani che si fa luogo di un evento espositivo unico, che ha aperto  il 22 marzo 2019 per terminare oltre un anno dopo, nel maggio 2020. Attraverso una selezione di 165 opere, e guidata, oltre che dalle caratteristiche ambientali del prestigioso palazzo rinascimentale, dal fine di svelare le mutazioni che […]

  

A Parma inaugurato il CSAC, Museo italiano punta di diamante del contemporaneo. Un progetto museale che finalmente compete con i grandi musei del mondo.

paradigna_sede_csac__totale_da_sseper_nl__foto_paolo_rosselli_lightCSACimages5mario_schifano_al_mare_1979imagesghirri-m2antzvhfts2c9vpums66m03i64v089fpqxcr36mpsmateriali CSAC nella Certosa di Paradigna parma.repubblica.itcertosa-CSACSede%20Csac_Standard

Finalmente un Museo coi fiocchi e un museo italiano. E badate bene, questo non a Milano ma a Parma. E già perché a Milano si scimmiotta con il Museo del Novecento in Piazza del Duomo ma a Milano manca ancora un Museo dell’Arte Contemporanea, che esiste già in molti paesi europei. Un museo, il CSAC, voluto grazie all’operosità di un collega quale il prof. Carlo Arturo Quintavalle, Ordinario di Storia dell’Arte presso l’Università di Parma. Finalmente un collega accademico operoso e ben inserito nei meccanismi dell’arte contemporanea. L’Archivio-Museo dello CSAC apre al pubblico sabato 23 maggio nell’Abbazia di Valserena, meglio […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2020