C_2_fotogallery_3012114_23_image

Penso a Manchester. Ai primi concerti, a quelle grida disumane che escono dalla televisione e invadono la cucina proprio nel momento della cena. Penso a quella musica, che allo scoccare della follia si è spenta insieme alle speranze di tanti giovani. A quella musica che un giorno si riaccenderà. E allora, al prossimo concerto ci guarderemo tutti intorno. Ci guarderemo in faccia in cerca di sicurezze, in cerca della speranza di avere al proprio fianco un amico, e non un nemico da combattere. Siamo appesi a un filo. Sembra sempre la prima volta. Eppure quelle scene le abbiamo già viste. […]