Vergognatevi. In maltese

malta

Immaginate un autobus pieno di gente, in mezzo al traffico. L’autista, donna, vede fuori dall’autobus un uomo privo di coscienza, che nessuno sta soccorrendo. Allora ferma l’autobus a lato della strada e va a vedere cosa sia successo. A fianco a lui c’è un altro uomo, che quando vede l’autista le dice: “non ho chiamato ancora nessuno, non volevo usare minuti della mia tariffa, puoi chiamare qualcuno tu?”. La donna chiama la polizia, mentre dall’autobus iniziano a scendere i passeggeri tutti scocciati, dicendole: “torna su, fai ripartire questo autobus, abbiamo fretta!”. E la donna, dopo aver fatto il suo dovere, […]

  

Malta: usare con cura

malta valletta

“Malta” è una parola troppo preziosa per essere usata con la superficialità di questi giorni. Il governo Conte ha una strategia legittima sul problema sbarchi e non è quella che vorrei criticare ma il coro di critiche che dai giornali italiani stanno piovendo sull’isola. Perché in quest’era digitale in cui tutto viene semplificato e trasformato in carne da macello per i social network non vorrei che noi italiani, sbagliando, trasformassimo anche Malta in un thread contro cui sputare sentenze. Intanto prima di puntare dita e pistole contro Malta per presunti legami con la malavita organizzata o per presunte furbizie di varia natura […]

  

Il mistero delle parole © 2018