Un vero e proprio incubo per Oberon, un bassotto di quindici anni, costretto a volare per più di ventiquattro ore perché dimenticato insieme ad alcune valigie nella stiva di un aereo.

Il cane aveva appena terminato una vacanza in Portogallo insieme ai padroni, una coppia di Reggio Emilia, quando è stato imbarcato nel vano bagagli del volo decollato da Lisbona e atteso a Bologna.
Impossibile salire a bordo insieme ai suoi cari perché la compagnia aveva permesso di portare in cabina solo l’altro cane, Dodi, di 5 anni.

L’aereo atterra puntale al Marconi ma l’ignaro bassotto viene dimenticato nella stiva dagli addetti ai lavori dell’aeroporto.

Trattato come una valigia.1

Quando si sono accorti della strana assenza del cane, i padroni si sono rivolti alla compagnia per far bloccare il velivolo già pronto a decollare di nuovo, per rientrare in Portogallo. Purtroppo senza riuscirci.

Oberon è rimasto lì, nella stiva, solo ed impaurito.

E così, dopo tre viaggi e interminabili ore di attesa, il cagnolino ha fatto finalmente ritorno a casa

Per fortuna un lieto fine, ma con tanti, tanti, puntini di sospensione…

Tag: