“Le streghe son tornate”: rapinatore finisce per essere preda di un sabba

Unknownimages-4images-2images-1images-3

“Ho fatto fare una rapina al bambino. Sai, avevo bisogno di vederlo….”     Se le streghe sono frutto di invenzione, allora può anche avere un senso se un intero film sulle streghe sia proprio al crocevia tra il surreale e l’ironia, più che su una satira che abbia qualche aspetto in comune con la realtà.  Le streghe son tornate di Alex de la Iglesia, regista già apprezzato della Ballata dell’odio e dell’amore, è il film spagnolo per eccellenza. Un mescolanza di elementi tratti dalla fantasia, più che dalla fantascienza, dall’ironia, e dal gusto sublime del surreale lo attraversano in […]

  

“Ritorno al Marigold hotel” ovvero: così un anziano ritorna al futuro

Unknown-4Unknown-2imagesUnknownUnknown-1

“Vorrei che sapeste che non ha senso la parola fine, ma è solo il punto in cui si lascia la storia. Perché non esiste dono grande come il tempo”.   In fondo, la vita è una collezione di anni. Mesi, talvolta. O decenni. Una galleria di immagini l’una affiancata all’altra. Una dopo l’altra. E la morte è soltanto un muro ormai completo di ritratti. Privo di nuovi spazi. Dove ospitare nuovi quadri e, forse, nuove fotografie. I ricordi. Talora accade che quelle pareti bianche siano in diretta contiguità – oltre che continuità – con altre già adornate e ricche. E il […]

  

“Road 47″ la II guerra mondiale combattuta dai brasiliani in Italia

zz2zz4zz1zz3

“Ma non avete proprio niente da fare, in Germania, se non la guerra…”   Tra le pieghe della Storia. Quello che i libri non raccontano e gli archivi lasceranno forse trapelare fra chissà quanti altri anni ancora. Sfumature di una seconda guerra mondiale che per tanti versi assomiglia molto – moltissimo – alla prima. E se è vero, come sosteneva lo storico Ernst Nolte, che i due conflitti furono solo due atti di un’unica guerra civile, spunta il cinema a offrirne motivi per certi versi a sostegno e, per altri, a contrasto. Come a dire che il tema – appassionante […]

  

CHILD 44, ANTEPRIMA GRATIS A MILANO

UnknownUnknown-1750978882005HIG_16_250X380_exactUnknown-2

Anteprima gratuita martedì sera al Cinema Colosseo di Milano in via Montenero 87 per un film che si annuncia come un evento di discussione già prima di approdare nelle sale cinematografiche di tutta Italia. Child 44 – Il bambino n. 44 di Daniel Espinosa verrà proiettato martedì sera alle 20.30 in anteprima nazionale e per poter ottenere l’ingresso gratuito sarà sufficiente collegarsi al sito http://www.child44-ilfilm.it/anteprimamilano e compilare il formulario richiesto. Saranno a disposizione 144 posti e ogni prenotazione dà diritto a due ingressi. Il film uscirà giovedì in tutta Italia. Child 44 – Il bambino n. 44 è un ottimo film che […]

  

“I bambini sanno”… sempre che cosa dire

ba1ba4ba2ba3ba5

“La prima cosa che ho fatto quando è morto mio papà è stata mandargli un messaggio sul cellulare”   Amore. Lavoro. Futuro. Omosessualità. Intolleranza e violenza. Paure. Speranze. A parlare sono i bambini con la loro spontanea ingenuità. E quella sincerità che così spesso sfiora il paradosso. I bambini sanno è il secondo film di Walter Veltroni, dopo il documentario Quando c’era Berlinguer. Anche questo, a suo modo, è un documentario. Ma al tempo stesso è tutt’altro. Un film fatto di parole. Costruito sui sorrisi. Cementato da quella sorpresa che le parole dei più piccoli sanno provocare. Ne esce un […]

  

“Samba” zoppicante di un nero a caccia di un lavoro nero

images-4imagesimages-3Unknownimages-2

“Ho fatto migliaia di chilometri nel deserto per venire a farmi arrestare alla gare de Lyon”   Chiamarsi come un ballo – fra i più allegri e sensuali – e scoprire che il proprio destino è appunto quello di ballare. Lontano da tutto. Perfino da se stessi. E dalla realtà. Il ritmo zoppicante della speranza. La ricerca di un riconoscimento sospeso. Il sapore amaro della regolarità quando si è neri. Anche in una Francia, pur avvezza a questo colore della pelle. Samba non è un ballo, ma un nome proprio. E di cognome fa Cissè. Il Bianchi dei… neri. Africani. […]

  

“Sarà il mio tipo?”: l’imbroglio delle farfalle

z2z6z3z4z1

“Non amo nessuno. Sono un mostro”. E se Cupido, in realtà, fosse cieco…. Se avesse zero diottrie e scagliasse saette nel mucchio… Appunto, alla cieca… Il quesito è ricorrente. Nella mente degli innamorati si affaccia spesso. A più riprese. Ossessionante. E nei momenti più strani si tornano a domandare se quella o quello sia davvero la persona giusta. Naturalmente, la risposta non c’è mai. Almeno nell’immediato. Occorrono mesi – talvolta anni – per scoprire un verdetto del quale peraltro non si è mai sicuri al cento per cento. E’ sicuro invece al cento per cento che Sarà il mio tipo? […]

  

“Mia madre” il dolore secondo Nanni Moretti

imagesimages-4images-1images-5images-3

“Tutti credono che io sia capace di interpretare la realtà, ma io non ci capisco niente”.     I turbamenti e l’angoscia. Il dolore e le perplessità. Le ancore fragili. Ormeggi fluttuanti e insicuri nel turbolento mare dell’esistenza. Oscillazioni tra il sonno e la veglia. Incubo e realtà. Soprassalto. Vite che si accavallano. Si attorcigliano. Si confondono. Sfumano. La famiglia. La professione. La figlia. L’amore. E un addio. Una morte. La morte più diversa da quella di tutti gli altri. La mamma. Mia madre di Nanni Moretti è un film fortemente e interamente autobiografico. Il regista si racconta trasferendosi nei […]

  

“Se Dio vuole” cuore non è solo vita

z2z1z3z5z4

 “Eh no, le scuse non bastano. Lavorerai gratis per la mia chiesa sconsacrata per un mese”   Non è affatto vero che un cardiologo conosca il cuore. E tanto meno, che ne abbia uno. E’ vero che non fa miracoli. Non è altrettanto detto che sia bravo. Il cuore è vita e pulsazione. Vibrante emozione, cadenzata da improvvise accelerate e piccola pace accompagnata da rassicuranti rallentamenti. Meccanica razionale. Ma il cuore è anche amore. Altra forma di vita, condita da passione. Non sempre carnale, più spesso sofferenza. Spiacevole e doloroso termometro di quanto è intenso e profondo questo vincolo. Propulsione […]

  

“White God”: se maltratti un cane l’unico “bastardo” sei tu

z6z1z4z2z3z5

“E’ un dramma perdere chi ami” Chi non ha incrociato gli occhi di un cane non potrà mai aver idea di cosa significhi davvero amare. Nessun razzismo al contrario. Ma questione di gratitudine. Quella che un cuore a quattro zampe conosce e il suo amico fedele su due piedi invece ignora. E, se l’uomo spesso è un cane, in senso spregiativo ma senza offesa a Fido, quest’ultimo è natura piena. Può accadere che si ribelli. E, spesso, che questo diritto non gli sia riconosciuto. Anzi paghi l’ardire con la vita stessa. Perché l’uomo si ritiene un essere superiore e, come […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2015