“Suburbicon”, ipocrisia all’americana nel paradiso dei piccoli Trump

SUBURBICONSUBURBICONSUBURBICON

Solo quando si diventa grandi si impara quello che è giusto fare…    Il paradiso in terra ha il sapore di un gioco finto. Il colore dell’irrealtà. Un sogno quasi fastidioso che denuncia una delle poche cose in cui l’uomo è maestro. L’ipocrisia. Suburbicon, immaginaria cittadina dell’America perbenista del secondo dopoguerra, non esiste sulle cartine geografiche ma ha i contorni di tanti villaggi nei quali pace sociale e tolleranza sembrano essere le sole padrone. Eppure. Eppure basta poco, anzi pochissimo, per mettere a nudo carenze e smagliature di un tessuto cittadino inquieto. Cementato dall’odio e verniciato di invidia. Costruito sul […]

  

“Loveless”, cronaca di un rifiuto

LO9-Maryana SpivakLO16lov

L’avrei tenuto, avresti dovuto saperlo…     L’esclusione non ha età. Ha il sapore amaro del rifiuto, l’intensità di non sentirsi accettati che si coniuga in due tragiche parole. Senza amore. Le stesse che danno il titolo a Loveless di Andrey Zvyagintsev, presentato a Cannes, su un tema scottante quanto vicino. Non essere voluti significa non essere amati, un concetto che il film declina nella chiave – spettrale – di una coppia ormai prossima al divorzio, in cui entrambi hanno già iniziato nuove relazioni e intendono dedicarsi a tempo pieno ad esse “dimenticando” il figlio. Nessuno vuole offrirgli insomma quel nuovo […]

  

“L’età imperfetta”: il braccio di ferro tra due ragazze sulle punte

e2e1

Il morso suadente dell’amicizia nasconde volontà di affermazione. Adolescenza come sfida, terreno di scontro e dominazione. Attraverso la scuola e lo sport, le passioni e i divertimenti, per i ragazzi del Duemila essere vincenti significa autorità. Questa, a sua volta, viene dal prestigio ma le strade per ottenerlo sono rappresentate dalla forza, non più da carisma o fascino. Vince il più deciso. Il più impasticcato. Il più ricco. Il più motorizzato. Il più disinteressato. Perché per essere vere guide del branco non bisogna amare. In nessuna delle sue mille declinazioni possibili. È il teorema di un bullismo poco cyber e […]

  

“Happy end”: borghesia in declino

hh1hh2

Una carrozzina scivola verso il mare. La spinge una ragazzina. Vi siede il nonno. La serietà – grave e greve al tempo stesso – solca quei volti che sanno di morte. Come fine. Termine. Apocalissi del sentimento e della sensazione. La fiducia nel domani è defunta prima di nascere. Oppure è ormai al capolinea. È il gioco delle età, verdissima l’una e decisamente matura l’altra. Antipodi anagrafici con la mancata fiducia nel futuro come comune denominatore. Si cessa di vivere, insomma, pur restando vivi. Guardando fissi un orizzonte che non esiste, fatto delle diverse tonalità di un azzurro che odora di nero […]

  

“Directions”: le storie della notte, al bivio tra corruzione e onestà

DIR1DIR2DIR3

Non c’è felicità per chi emigra. Mai. Abbiamo preso direzioni sbagliate, ecco il problema   Un professore di filosofia sull’orlo del suicidio. Una storica estromessa dalla carriera universitaria per non aver accettato le avance di un docente. Un chirurgo in procinto di cercare fortuna all’estero. Una ragazzina nemmeno maggiorenne che vende il suo corpo a un vecchio. La confessione di un anziano a un cane solitario. Un uomo che si avvia verso il trapianto scortato da un prete ortodosso alla guida del taxi per arrotondare. Quella del tassista non è una professione, in Bulgaria. È un rifugio. Chi non ce la fa […]

  

Gioventù bevuta e padri opprimenti: ecco “Gli sdraiati” del Duemila

gli sdraiati1gli-sdraiatigli_sdraiati2

I ragazzi della quarta H hanno gli occhi grandi e tanta voglia di vivere. Ridono di gioia. Uno di loro ce l’ha fatta. Ha girato un film. Gaddo Bacchini va al Manzoni. È uno come tanti, uno che non ci credeva. «Vuoi che la Archibugi scelga proprio me…». Invece. «È bello e antipatico, come mi serviva» ha spiegato la regista. Gli sdraiati è una film che racconta di padri che non capiscono i figli. E lottano contro di loro. Figli che non capiscono i padri. E lottano contro di loro. Ne esce un quadro di antipatia generale e generalizzata in […]

  

“Il domani tra di noi” ad alta quota Neanche un cane “salva” il film

domdom1

La natura può essere una sfida. Non sempre e non necessariamente perché l’uomo azzardi il suo personale braccio di ferro con forze di gran lunga superiori. Quanto per l’imprevisto e inatteso, che proietta il singolo al cospetto della forza – e talvolta della violenza – degli elementi. Questo è il punto di partenza di Alex (Kate Winslet) e Ben, per motivi diversi costretti a prendere urgentemente un aereo. Lei per sposarsi, lui per poter intervenire chirurgicamente su un paziente. Tuttavia, quello che non arriva attraverso la tempesta, prevista e temuta dai meteorologi dell’aeroporto, avviene per una disgrazia. I due noleggiano […]

  

“Paddington 2″, la genuinità del dono diventa una trappola pensata dagli uomini

pad4pad1pad3

La zia Lucy dice sempre che in ogni uomo c’è del buono. Basta cercarlo.   Tre anni dopo, Paddington è un orsetto ormai ambientato nella poco tranquilla Londra. S’avvicina Natale, ma questo conta solo per gli uomini che non vivono la finzione del piccolo pachiderma e vanno al cinema. Lui, il cucciolo della fiaba, non conosce il letargo ma sa bene che cosa sia la nostalgia. E il regalo che vuole acquistare non è di quelli destinati a finire sotto l’abete. Vuole inviarlo a zia Lucy, l’orsa che lo ha salvato dalla morte e vive il suo compleanno lontana da […]

  

“Agadah”, decamerone settecentesco

FOTO DI SCENA DEL FILM ?AGADAH?Pomellatoaga1

Che cos’è mai la virtù se non un pregiudizio accettato senza discutere… In gergo cabalistico, “agadah” significa narrare. È affabulazione. Ricordo. Forse perfino mito. Un passato ricco di scorribande. Erotismo, meglio se multiplo, come va di gran moda nell’immaginario dell’alcova da terzo millennio. Armi e cavalieri. Il mondo onirico di una favola, a metà strada tra epopea e gesta individuali, ammantate di eroismo. Presunto o reale è un mistero. Quello dell’invenzione di una trama che mescola gli eterogenei confini dei valori in un tutt’uno denso di se stesso, da cui ogni composto e componente stenta però ad avere una fisionomia […]

  

“Ogni tuo respiro”, oltre la disabilità batte un amore da vertigine

ogni2ogni1ogni3

Jonathan ha imparato da piccolo che cosa volesse dire essere attaccati alla vita. La prima immagine del papà fin da quando aprì gli occhi al mondo era quella di un uomo tetraplegico, paralizzato dal collo in giù. Una tragedia, più che una disgrazia. Ma la causa di quella sciagura non fu accidentale, bensì malattia. Un a poliomielite che a soli trent’anni lo condannò a morte. Era l’inizio degli anni Sessanta e molte cure oggi diffuse erano sconosciute. A quello sfortunato mercante di tè non furono concesse opportunità. Solo pochi mesi di vita. Poi, la fine. Il merito di Robin – […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2017