“Joy”, la donna che inventò il mocio

IM4IM3IM5IM6

Non credere che il mondo non possieda alcunché di te. Non è vero.     Casalinghe tutt’altro che disperate. Fantasiose, piuttosto. E creative. Il senso di Joy Mangano per le invenzioni inizia presto. Prestissimo. Quando era ancora una bimba che giocava con la carta e costruiva castelli abitati da principi. Principesse. E animali. Aveva una nonna che nutriva in lei una fiducia cieca e totale. E una mamma che trascorreva le giornate ciondolando da una telenovela all’altra. Una vita incartocciata sul piccolo schermo dopo la separazione da un marito, stanco di lei. Joy è figlia di italo americani e cresce […]

  

“Remember”, la vendetta senile corre sul filo della memoria contesa

re3re5re2re4

Fai quello che devi fare, Zev.   Storia di un mascheramento. Nascondersi. Semplicemente Storia. O meglio, i residui di essa. Le settimane a ridosso della Giornata della Memoria offrono brandelli di Olocausto. Frammenti di sofferenza distillati nel tempo. Come se non fosse passata che un’ora. Come se non fossero mai stati ascoltati – e nemmeno narrati – tanti racconti, scampoli di Shoah. Casi di vita che approdano nella finzione con la stessa intima convinzione che, in fondo, in qualche angolo di mondo, sia senz’altro accaduto qualcosa di simile. Se non di uguale. Nell’universo di Atom Egoyan, regista canadese di origini armene, […]

  

Banditi metà iene e metà “bastardi”: ecco “The hateful eight” di Tarantino

tar5tar2tar3tar4tar7tar6THE HATEFUL EIGHT

La vera giustizia? Uccidere con distacco. Se c’è tensione emotiva non c’è giustizia   Ai margini della guerra di secessione. La presidenza Lincoln è una garanzia contro il razzismo, che tante volte confina con la delinquenza. Ma altrettante volte è qualcosa di completamente diverso. Come il leggendario West, non sempre e non solo terra assolata di mandrie di bufali. Il Wyoming è regione inospitale e gelida. Alla stregua di certi cuori battuti e sconvolti da tempeste furiose. Culla di bugie. Giaciglio dell’odio. E la bufera che spazza la regione non è soltanto un agente atmosferico. Il colpo gobbo della meteorologia. […]

  

“Creed”, la rivincita contro Rocky

cr4cr1cr2cr3

Voglio farcela da solo, non perché sono figlio d’arte   Apollo era morto combattendo. Non era un dio greco, ma a suo modo era pur sempre un dio. E i pugni erano la nobile arte del suo singolare paradiso. Il suo mistero finì  tra i guantoni di Rocky Balboa, uno che ne aveva date più di quante ne avesse prese. E di quel rivale ebbe rispetto anche dopo la sua morte. E il proprio ritiro. Fin quando, alla porta del suo locale, bussò Donny che il cognome se lo era reinventato in Johnson ma era il figlio di Apollo. Sapeva […]

  

“Revenant”: redivivo anche il pubblico

reve1reve3reve4reve2

Finché hai un attimo di vita continua a combattere   Un’odissea moderna. Un Ulisse che ha il volto di Hugh Glass, cacciatore assalito da un orso e ridotto in fin di vita, che – per la sua volontà d’acciaio e la sua tempra indomabile – riesce a non soccombere, nelle condizioni più estreme di alcune delle regioni dal clima più inospitale degli Stati Uniti. A condurlo al traguardo di una sorta di Itaca spersa nel nulla di ghiacci e praterie, è una Penelope con il volto di un’indiana d’America, sposa del protagonista, in viaggio con un Telemaco dalla sorte segnata. […]

  

“La corrispondenza” dall’aldilà: l’amore per posta…elettronica

c2c1c3c4

La mente umana non può capire l’amore.     Il sentimento sta scritto nelle stelle. Oltre che nel cuore. E lei aveva scelto il maestro dei maestri per comprenderlo. Un docente di astrofisica, irraggiungibile come quegli astri che accelerano i battiti della passione. Attraversano i cieli come comete improvvise. E cadono. L’addio fa spesso rima con l’amore. Non necessariamente perché la coppia voglia lasciarsi, ma perché vi sia costretta. Un addio non voluto, ma pur sempre un addio. Eppure. Eppure c’erano i sogni di vita. Di un legame eterno. Nonostante moglie e figli di lui. E la pazienza di lei, […]

  

“La grande scommessa” sulla prima crisi che ha sconvolto il XXI secolo

BIG2BIG3BIG5BIG3

Non mi sbaglio. Crollerà tutto.   Erano solo un gruppo di giovani emergenti. Bizzarri e folcloristici quanto basta. E quanto serve. Ma non avendo portafogli vertiginosi di clienti importanti le loro previsioni erano state sottovalutate. La bolla economica che ha acceso la prima gigantesca crisi economica del nuovo millennio è nata sotto gli auspici di una classe di magnati, distratta e superficiale. Convinta della propria solidità. Inattaccabilità. E di un presupposto tutt’altro che scontato come invece si sforzava di credere. Tutti, cioè, avrebbero sempre pagato il mutuo della loro abitazione. Tuttavia, come sosteneva Mark Twain “non è ciò che non […]

  

“Little sister”, famiglia al femminile

Unknown-1images-1imagesUnknown

La dolcezza dei ciliegi in fiore e la malinconia di una pioggerella leggera. Una spiaggia fuori stagione. Il mare che sussurra leggero, tuttavia minaccia inquietudini. Poesia disarmonica di una famiglia sfilacciata. Matrimoni che si accumulano ad altri matrimoni. Figlie “dimenticate” che all’improvviso si ritrovano di fianco alla salma di un padre dai mille volti. Come le vite che ha vissuto. I sapori che ha gustato. Colori che non sbiadiscono ma ritrovano vitalità in un continuo oscillare tra un passato mai vissuto né inquadrato in presa diretta. Vissuto nel presente. Una quotidianità diversa che si tinge della vivacità di ciò che […]

  

“Il ponte delle spie” e la guerra fredda: Spielberg indaga tra Est e Ovest

p3p1p2p4p6

Non dovremmo forse mostrare ai nostri nemici ciò che siamo….   Pezzi di secolo breve. Anzi brevissimo. Frammenti di una cronaca che tale non è più, ma è troppo giovane per essere già parte della Storia. Con Il ponte delle spie, Steven Spielberg torna a puntare la macchina da presa sui temi che più gli stanno a cuore. Quell’intersezione in cui gli avvenimenti cessano di essere semplicemente tali e diventano simboli di una contrapposizione politica. Era accaduto con Schindler’s list prima e con Munich poi. L’Olocausto, ovvero lo scontro nazisti-ebrei e il conflitto israelo-palestinese sfociato nell’attentato ai Giochi olimpici del ’72 […]

  

Il dilemma di “Irrational man”: uccidere fa bene alla psiche?

al4al1al2al3

L’ansia è la vertigine della libertà   All’incrocio tra la filosofia e la vita c’è il mistero dell’insondabile. La cura che nessuno ipotizza. Una resurrezione casuale che avviene attraverso la morte. Una depressione profonda e radicata scompare in un batter d’occhi. E’ il lampo che si accende. L’opportunità di fare del bene a una sconosciuta facendo il supremo male a un altro sconosciuto. Vite in cambio. O in contraccambio. Coincidenza degli opposti, tanto impossibile quanto, all’improvviso, possibile e reale. Abe Lucas (Joaquin Phoenix) è un annoiato professore, dedito all’alcol per cancellare il grigiore di un’esistenza insulsa. Sembra non aver vie […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2016