Metti “Something good” in tavola… Molti manicaretti sanno di frode

Per i bambini dell’Africa il latte adulterato è meglio che nessun latte. Inganno. Il gioco si chiama così…       Il menu è di quelli indigeribili. Pesce radioattivo. Costolette di maiale all’uranio. Latte in polvere adulterato. Succhi di frutta avvelenata. Dicono che nel terzo millennio si muoia anche per questo. Ingredienti di scarsa qualità. O addirittura, chimica assassina. Sul banco degli imputati c’è una popolazione mondiale in crescita costante. Secondo le stime, nel 2040, la popolazione mondiale sarà passata dagli attuali sette miliardi, a nove. La richiesta di cibi in quantità così elevate non può sottrarsi alle alchimie, soprattutto […]

  

“Prisoners” della guerra uomo-Dio

Abbiamo un tempo, commissario, poi mia figlia morirà. Ecco perché non posso aspettare…         Due bambine svaniscono nel nulla. Triangolo delle Bermude in superficie. Uno dei milioni di triangoli delle Bermude sopra il pelo dell’acqua. A tutte le latitudini. Prigionieri oscuri, improvvisamente precipitati nell’abisso della non conoscenza. Carceri a cinque stelle nelle stanze ovattate di anonime villette. Carceri a forma di cantine per piccole recluse. Destinate a divenire oggetto dell’altrui tortura. Sadico piacere del bruto. Sadico gusto del vile. Non c’è ombra di pedofilia in Prisoners di Denis Villeneuve, ma è presente – fortemente – il peso […]

  

Gaffe e papere ti rovinano la vita? “Questione di tempo”: riavvolgila

Puoi viaggiare nel tempo quanto vuoi ma non puoi costringere qualcuno ad amarti           Era uno di quei maledetti Capodanni. Tappi che saltano. Champagne che lanciano le loro bolle brillanti verso l’alto. Trombette che spernacchiano felicità fasulle, convinte che il domani sia sempre e solo miniera di gioia. E lo è in egual misura in cui è anche riserva di tristezza, però. Ma in quell’attimo – non importa con chi e perché – schioccano baci veri dal retrogusto finto. Baci appassionati. Baci sensuali. Come se fosse per sempre. Invece è solo per quella volta lì. E […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019