“Trash”, l’onestà della discarica

-Chissà perché quei ragazzini sono andati fino in fondo… -Perché era giusto.       “Ordem e progresso”. La scritta che campeggia sulla bandiera del Brasile è forse la più ambigua che si possa immaginare. Un Paese senza ordine e con un’evoluzione che solo adesso sembra voler iniziare la fase di decollo, ha sempre dipinto se stesso come quel che non è. I tre volti del Brasile. Chi sfrutta. Chi ne è complice. Chi è sfruttato. La storia di Trash di Stephen Daldry ruota tutta intorno a questi protagonisti che si perdono e si ritrovano tra i fetori di una […]

  

“I toni dell’amore”: i gay in terza età

Ti sei mai innamorato? -Sì, ma lei non lo sapeva…         Molte spine e poche rose. L’amore secondo Ira Sachs. Sofferenza. Sorpresa. Disillusione. Mortifera dimensione che disorienta, alla quale solo la fine della vita sembra restituire quel tocco di sacralità e di poesia che esistenza, liti e quotidianità sembrano imporle. E condizionarla a un vincolo di angosciosa sopravvivenza che toglie all’amore la sfera del sogno. Della purezza. Dell’incontaminata sublimità. Per restituirle invece incomprensioni. Ostacoli. Difficoltà. E sottolineare quanto siano vicine e come confinino l’amore e il suo contrario. Il passo verso l’odio. Transitando attraverso il rancore. Il […]

  

“Addio al linguaggio” e addio al pensiero

Non va dipinto ciò che si vede, ma ciò che non si vede. Claude Monet     Non è un film per tutti, Adieu au langage – Addio al linguaggio di Jean Luc Godard, indiscusso maestro della Nouvelle vague già dai tempi di André Bazin e Francois Truffaut con il quale, nel tempo, ebbe più di uno scontro. Oggi Godard è orfano. Sia dell’uno, sia dell’altro. E forse l’assenza di un dialogo, un confronto, è più forte di una malinconia. E’ indubitabilmente solo e nessuno sa se questo sia il motivo di tanto ripiegamento filosofico, tuttavia è chiaro che la […]

  

“Viviane” imprigionata dal marito: l’impossibile divorzio dalla Torah

E’ facile dare la colpa a chi grida, mentre chi sputa veleno in silenzio è innocente…         Lucida follia di un matrimonio perfetto. Dove tutto sembra funzionare ma in realtà nulla funziona davvero. Dove un uomo rifiuta di concedere il divorzio alla donna che ancora dice di amare. O meglio, di non saper rinunciare a possedere. Cronaca di un divorzio mai annunciato. In salsa ebraica. E la sintesi della vicenda sta tutta in questi pochi e semplicissimi cenni. Viviane dei fratelli Elkabetz – Ronit recita anche nella parte della protagonista femminile, mentre Shlomi è solo regista – […]

  

Il dilemma di “Words and pictures”: parlano più le parole o le immagini…

La parole sono bugie. E trappole.             La sfida è di quelle infinite. Irrisolvibili. Con due eterni schieramenti pronti a spendersi per difendere il potere della parola. O quello dell’immagine. Competizione senza vinti. Né vincitori. Ma soprattutto, senza nemmeno un pareggio. Perché se nel primo testo a stampa delle opere di Shakespeare, l’autore ammoniva di non fermarsi alla riproduzione del suo viso in copertina, ma raccomandava di addentrarsi nei contenuti, ovvero nelle parole, Picasso rispose ai politici detrattori di “Guernica”  con una frase lapidaria. “Quest’orrore non lo ho fatto io, ma voi”. Il riferimento alla […]

  

“Due giorni, una notte” per chiedervi di non votare il mio licenziamento

Non è un voto contro di te. Mi servono quei mille euro.         L’esclusione votata a maggioranza. Espulsione all’unanimità. O quasi. Comunque espulsione. Dal mondo. Da un mondo. Dal suo mondo. Il debole cacciato. Rifiutato dalla comunità. Respinto. Con l’aggravante della crudeltà. E’ l’universo del lavoro in anni di crisi. La morte del pesce piccolo diventa salvezza per gli altri pesci dell’acquario. Tutti gli altri. L’acquario è il lavoro. Mistero di un microcosmo dove non ci si sceglie, ma ci si trova. Dove ci si sopporta. Forse. Dove si odia. Si invidia. Si augura la morte. Professionale. […]

  

“Frank” e l’onore della maschera

Ora capisco. Vi ho fatto davvero del male a unirmi a voi…         Frank è un nome. Un uomo. Soprattutto, è una speranza. Forse un’illusione. La gioia di sentirsi liberi. L’ambizione di essere normali. Frank è una maschera. E dietro quel faccione di cartapesta con due occhi sgranati sul mondo e le orecchie a sventola c’è… La ricerca di quella speranza. Il gusto di sentirsi normali. Essere a proprio agio fra gli altri con quel paravento permanente in mezzo a tanti volti qualunque. Frank è l’unicità manifesta. Ma è anche il mistero. Quello che si vuole rivelare. […]

  

“Get on up” la vita di James Brown: come le canta il padrino del soul…

Sono cambiati i tempi. Ora i bianchi ci fanno anche da autisti…         Carolina del Sud. Anni Trenta. Qui nasce un bambino nero figlio di due genitori in perenne lite, tra i quali esiste un solo sistema di collegamento. Il sesso. Non è amore. E’ quasi violenza. Poi la donna si allontana nei boschi. E, di lì a poco, quel bambino strappatole dal padre a colpi di rivoltella esplosi in aria, viene abbandonato in un saloon fatto di whiskey e ragazze da sbattere. La matrona catechizza subito quel piccolo intorno ai dieci anni. “Procurami uomini e sarai […]

  

La guerra di “Torneranno i prati” Una “inutile strage” indimenticata

Una canzone è più potente di una schioppettata. Arriva dritta al cuore           La vita di un soldato vale dieci lire e una licenza nel bel mezzo di una notte al chiaro di luna. Quando la neve scintilla. E per chi deve uscire dalla trincea è una maledizione. Si vede tutto. Ma soprattutto. Il nemico vede tutto. E sa dove sparare. E’ una notte d’inverno del 1917 sul fronte di Asiago. Gli eserciti si fronteggiano nascosti nel nulla. Ma odorano la puzza della morte. Sentono le pulsazioni della paura. Ascoltano le voci della notte. Finché tutto […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2018