z2“La vera forza di un intoccabile è il silenzio che impone agli altri”

 

Sarà stata la nostalgia. Gli anni Settanta furono roba per stomaci forti. Di violenza ce n’era per tutti i gusti e tutte le specie. Politica. Li ribattezzarono gli anni di piombo e proprio allora si cominciò a sparare nelle strade. Uccidere giudici, giornalisti, industriali, docenti universitari. Criminalità organizzata. E disorganizzata. La mala cominciava a perdere lo statuto che in fondo ha sempre avuto in passato. Una sorta di codice etico che proibiva di rivalersi sui più deboli. Mogli e bambini di picciotti vittime o aspiranti tali entravano nel circuito. E la droga assolveva un ruolo cruciale. Per gli stupefacenti si uccideva. Ci si sporcava le mani. Si scannava chiunque. Fruttava soldi. Garantiva una clientela. E morti in quantità.

z1French connection di Cédric Jimenez si inserisce in questo scacco. Quando la criminalità comincia a diventare grande. Non nel senso che mette giudizio, ma in quello che la porta a diventare un’industria. Del crimine. Sotto ogni forma, ma con un solo fine. Diventare sempre più ricchi. Essere sempre più potenti. Imporre il proprio codice. E sapere di avere vassalli da comandare a bacchetta. E se “comandare è meglio che fottere” come recita un adagio meridionale, il cerchio si chiude. Tuttavia French connection nulla c’entra con l’Italia. Marsiglia è un crocevia di delinquenza e fette di mafia si dividono e spartiscono la città. A fette. Qualcuno vuol prevalere e lo spartito s’incanta. Come un vecchio disco. E una melodia già sentita.

z3Il giudice inflessibile. Crociato del Bene. Una drogata che innesca la miccia. I sicari che sparano. Trafficanti che esportano e importano carichi di cocaina. Boss che programmano morti tenendo le mani pulite. Vivendo l’ombra e la musica di locali dove donne facili si concedono a clienti mascherati. Prostituzione e stupefacenti. Un sindaco tollerante che diventa un ligio e rigido tutore della legalità non appena sale il gradino. E diventa ministro del neo eletto presidente Mitterrand. Non basta. A spuntarla saranno gli agenti. La parte sana della polizia. Quella che non prende mazzette dai boss. E combatte fino all’ultimo. Non si risparmia fino a offrire la propria stessa vita. E i miracoli valgono premi alla memoria. La piovra senza tentacoli costa vite.

z4Insomma gli ingredienti non sono originalissimi. E proprio questo è il difetto maggiore di un film peraltro avvincente quanto inutile. I marsigliesi. I poliziotti buoni o cattivi. I boss. I politici a due facce. La polizia corrotta che lotta contro colleghi incorruttibili Il Bene che fatica, ma poi vince sul Male sono stati visti e rivisti decine di volte in poliziotteschi italiani, francesi e americani dell’epoca. Marsiglia è stata una protagonista a più riprese del grande schermo in questa prospettiva. Insomma non c’è nulla – dicasi nulla – che non sappia di vecchio e obsoleto. Ma se allora aveva un senso, era il termometro della tensione di quei tempi, oggi quello spirito si è completamente perduto.

French connection resta un’antologia del dejà vu per immagini. Tutta roba trita e ritrita che non incanta né delude. Resta sospesa a mezz’aria. A meno che non si tratti di un rigurgito di nostalgia. Non certo verso la mafia di allora o verso i buoni che persero la vita combattendola. Anzi. Piuttosto all’indirizzo di un tipo di cinematografia che punta su quella vecchia suspence d’antan per ricreare atmosfere oggi dissolte.

incorporato da Embedded Video

Tag: , , , ,