Una certa tendenza del cinema francese: ciak si gira la crisi

partageheureuxpensionun-plus-uneangesimlolo

La crisi è passata. Evviva la crisi. Quella economica, s’intende. Quella che dai negozi e dai portafogli è ora approdata sul grande schermo e sta smettendo di essere cronaca per diventare Storia. O almeno un frammento di essa. Di certo c’è che nel nuovo cinema francese essa è parte della storia, rigorosamente con la minuscola stavolta. E le difficoltà di una congiuntura, durata più di un lustro, ha lasciato tutt’altro che indifferenti. La commedia, quella seria, quella che a casa nostra è fatta di risate dozzinali di volgari bellimbusti, abili con i versi ma ben poco con le emozioni, ebbene […]

  

Ricciarelli: “Ho sfiorato l’Oscar con i silenzi dei tedeschi”

labiriccia1

IL FILM Sono trascorsi tredici anni dalla fine del conflitto. La Germania è una nazione ricostruita, ma non ancora divisa da un muro. Johann Radmann è un pm “relegato” agli incidenti d’auto. Finché un giornalista irrompe in tribunale e accusa i giudici, indiscriminatamente, di disinteresse al fatto che un insegnante fosse stato in passato una guardia ad Auschwitz. Parola nuova per molti tedeschi che continuavano a sostenere di non saper nulla dei lager. Il pm raccoglie silenziosamente la sfida, nell’ostracismo dei colleghi. A incoraggiarlo è il procuratore generale Fritz Bauer, cacciatore di nazisti, “blindato” dalla mancanza di mezzi legali per […]

  

Cinecittà fatta di limoni e arance Ciak italiani in agrodolce a Mentone

adfcehi

Cinecittà fatta di limoni e arance. Un mosaico agrodolce di agrumi mediterranei che, nelle prime propaggini della Costa Azzurra, ritrova colori e profumi classici di italianità. Perché forse non tutti sanno che Mentone, prima cittadina francese dopo il confine di Ventimiglia, va famosa proprio per questo frutto, solitamente associato ai limoncelli più familiari in quel di Sorrento. E invece… Invece il carnevale, celebrato in ritardo tra Roquebrune Cap Martin e la frontiera con l’Italia, è fatto proprio a base di agrumi. E quest’anno la tradizionale “Fete du citron”, in corso fino al 2 marzo, è dedicata al cinema di casa […]

  

E ora Birdman diventa un giornalista “Il caso Spotlight” fa notizia

sp4sp1sp2S_07251.CR2

Il caso Spotlight di Tom McCarthy non è un documentario. È necessario sgombrare il campo dai dubbi prima che sorgano, perché il film sembra davvero ciò che in realtà non è. Tuttavia, va altrettanto spiegato e chiarito che Il caso Spotlight non è nemmeno finzione cinematografica. E allora, sembra legittimo chiedersi che cosa sia. O a quale genere meriti di appartenere. La risposta è che forse appartiene al tutto e al nulla allo stesso tempo e l’unica categoria in cui ha diritto di inserirsi è quella – insolita quanto fantasiosa – delle pellicole sul giornalismo. Un filone densissimo che da un passato […]

  

“Joy”, la donna che inventò il mocio

IM4IM3IM5IM6

Non credere che il mondo non possieda alcunché di te. Non è vero.     Casalinghe tutt’altro che disperate. Fantasiose, piuttosto. E creative. Il senso di Joy Mangano per le invenzioni inizia presto. Prestissimo. Quando era ancora una bimba che giocava con la carta e costruiva castelli abitati da principi. Principesse. E animali. Aveva una nonna che nutriva in lei una fiducia cieca e totale. E una mamma che trascorreva le giornate ciondolando da una telenovela all’altra. Una vita incartocciata sul piccolo schermo dopo la separazione da un marito, stanco di lei. Joy è figlia di italo americani e cresce […]

  

“Remember”, la vendetta senile corre sul filo della memoria contesa

re3re5re2re4

Fai quello che devi fare, Zev.   Storia di un mascheramento. Nascondersi. Semplicemente Storia. O meglio, i residui di essa. Le settimane a ridosso della Giornata della Memoria offrono brandelli di Olocausto. Frammenti di sofferenza distillati nel tempo. Come se non fosse passata che un’ora. Come se non fossero mai stati ascoltati – e nemmeno narrati – tanti racconti, scampoli di Shoah. Casi di vita che approdano nella finzione con la stessa intima convinzione che, in fondo, in qualche angolo di mondo, sia senz’altro accaduto qualcosa di simile. Se non di uguale. Nell’universo di Atom Egoyan, regista canadese di origini armene, […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2018