“Song to song”, le sette note di Malick

S1DSC_2102.NEF

Musica e sentimento con un denominatore comune. La passione. E non significa solo innamoramento, ma anche il desiderio di spendersi senza riserve per ciò che si ama fare. Il risultato è il prodotto di vite che sfidano i giorni e il loro mutevole cambiare e cambiare. Trasformarsi in qualcosa e arrivare a sfiorare la metamorfosi nel loro opposto. Song to song di Terrence Malick è la sintesi di una trama imperniata sulla figura centrale di BV (Ryan Gosling di La La Land), un musicista che cerca fortuna con l’aiuto di Cook (Michael Fassbender  di 12 anni schiavo e Knight of cups […]

  

“Ritratto di famiglia con tempesta”: a lezione dal figlio per fare il padre

ri1ri2

Le due facce della tempesta. Meteorologica e metaforica. Flagello dell’ambiente e dell’animo umano. Coniugazione multipla dell’esterno e dell’interno. Fuori e dentro, come due mondi che trovano una spontanea unidirezionalità nella quotidianità. Ritratto di famiglia con tempesta di Kore-Eda Hirokazu, regista già conosciuto per Little sister e Father and son, è il teorema di questa duplicità, applicata all’individualità. Non a caso, al centro del film sta una famiglia in dissoluzione per la separazione di una coppia, che nemmeno un’imprevista coabitazione per la furia degli elementi riesce a ricondurre alla pace. La donna è esasperata dal marito, un giocatore d’azzardo, e fatica a […]

  

“Gold”, storia di una grande truffa: il lupo del Borneo divorato dall’oro

UnknownUnknown-1

Illusione. Speranza. Riscatto. Scommessa. La sfida comprendeva un pizzico di ognuno di questi ingredienti per la sua riuscita. L’orlo del baratro di un fallimento professionale accende la paura e la disperazione, ma alimenta la rivalsa. L’affermazione. Conquistata a suon di cazzotti al denigrante ludibrio, confezionato dagli invidiosi. Da una congiuntura economica sfavorevole. Dai rovesci di una Fortuna da interpretarsi alla latina. Caso. Sorte. Destino. Quasi sempre rabbioso. Quasi sempre beffardo. E allora la ricetta è di quelle tanto frequentate quanto lo è il mondo. Una truffa bella e buona e tanti saluti a ogni barlume di onestà e credibilità. Presunta […]

  

“Insospettabili sospetti”: tutti da ridere

sosp1sosp2

La chiamano acquiescenza che, in altre parole, significa anche rassegnazione. Trattasi, più volgarmente, della pensione. O vitalizio che dir si voglia. Un assegno rincorso e inseguito che diventa realtà solo nella fase senile. O almeno, così normalmente accade. Fatta eccezione per i “baby” anziani. Quelli che a 45 anni hanno già dato tutto e sono mantenuti a spese dello Stato. Non è il caso dei tre terribili e furbissimi nonnetti di Insospettabili sospetti, il film di Zach Braff. Non si danno per vinti nel vedersi defraudare del compenso, duramente sudato in oltre quarant’anni di lavoro e tanto meno si adeguano ai […]

  

“Le donne e il desiderio”, la Polonia che (fortunatamente) non conoscete

donne2donne1

Il confine tra il desiderio nella sua forma di umana ambizione e quello che invece confina con la passione è fragile. Talmente debole da confondersi con facilità nelle sue molte declinazioni, non solo dalla prospettiva molteplice dei traguardi che le protagoniste pongono davanti a sé, ma anche nei diversi soggetti femminili presi in esame. Le donne il desiderio di Tomasz Wasilewski, ambientato in una Polonia post comunista che ha i tratti deteriori del peggior capitalismo, coniuga i casi di quattro protagoniste che incrociano i propri destini in un cammino discutibile e dall’esito interlocutorio. Aspetto comune a tutte la libertà di […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019