“Domani è un altro giorno”: un cane, due amici e una malattia

imagesimages-1

Anche il crepuscolo è vita. Amaro e drammatico come un tramonto intriso di pioggia. Lacrime di un destino che non riesce a far sorridere nemmeno nel disincanto e nel cinismo. Anzi. Duole forse di più quando il tentativo di esorcizzarlo supera i limiti del paradosso. Quando lo sforzo di vedere oltre la morte si spinge a qualsiasi ipotesi. E quando l’unico compagno di vita è un cane, condannato a restare solo. Orfano o vedovo. Angoscia che si aggiunge al dolore di due strade al bivio. Nauseabondo miasma di un addio. Pato è un bovaro del bernese e vive con Giuliano, […]

  

Oscar, l’asinello democratico premia neri e messicani in faccia a Trump

Peter FarrellyUnknownimages

Se non fossero ambiti e prestigiosi non farebbero discutere. E nei cromosomi dell’Oscar sta proprio la caratteristica di lasciare scontenti. Creare i presupposti per discussioni infinite. Soprattutto politiche, perfino quando non sembrerebbe. E l’Academy, che ha un’inconfondibile matrice democratica, continua a non perdonarla a Trump nonostante l’ira funesta sembra essersi, almeno leggermente, sopita rispetto a un recente passato. Attenuata ma non sparita, perché anche nell’ultima sessione le “ingiustizie” si sono fatte sentire e si fatica a distinguere chi sia stato trattato peggio tra due big del cinema in generale e di Hollywood in particolare come il veterano Clint Eastwood e […]

  

“Copia originale”, i falsi d’autore della scrittrice rifiutata dagli editori

copi1copi2copi3

Il confine tra la scrittura e il falso è labile come l’ondeggiare della fantasia e, per una biografa che di mestiere deve attenersi alla verità, il peccato non è veniale. D’altronde chi vive di libri sa che la fortuna oscilla e un infortunio commerciale può equivalere all’indigenza assoluta. Accadde a Lee Israel che, dopo aver incontrato l’attrice Katherine Hepburn, ne scrisse su “Esquire” un profilo sotto forma di intervista che le aprì la strada verso altre donne dello spettacolo finché non s’imbatté nell’imprenditrice Estée Lauder con la quale si accese un litigio. La sua biografia della stilista americana finì per […]

  

Scritto in Cinema -
1 Commento »  

“La vita in un attimo”: come si disfano anche le famiglie più belle

attimo1attimo2attimo3

Due ore. Molto più di un attimo. Ma un attimo in rapporto a una vita intera. In due ore Dan Fogelman, sceneggiatore di successo in quel di Hollywood, racconta come si fa e come si disfa una famiglia in questa seconda regia della sua carriera. La vita in un attimo è la storia di Will (Oscar Isaac) e Abby (Olivia Wilde già incontrata in Lei e Rush) che si amano dai tempi del college ma quello che sembra un legame indistruttibile arriva sorprendentemente a una rottura. E nella galleria descritta dall’uomo alla sua terapeuta entrano amori del passato e supposti vincoli del presente. […]

  

“La paranza dei bambini”: così cresce la Camorra in erba nei bassifondi

bambi1bambi3bambi2

Il rione Sanità non è terra per tutti. I quartieri spagnoli hanno un patriarca. Non si vede ma esiste. Altrove c’è un vuoto di potere. La Camorra deve riorganizzarsi perché il “padrino” se lo è portato via una sventagliata di proiettili. C’è chi lo rimpiange perché in fondo, lui, era buono. Non taglieggiava i commercianti, anche loro dovevano pur vivere. Dava lavoro ai ragazzini. Certo, quei peccatucci con la droga e certe donne gli sono costati ma le sue foto profumano ancora di charme e nostalgia per i “guagliuncelli” che lo ricordano come un mito. E ne evocano le gesta. […]

  

La pubblicità al cinema batte i media sia offline che online

La pubblicità sul grande schermo ha sempre diviso gli spettatori. Necessaria. Inutile. Ritardataria degli spettacoli. Amata e odiata, ora è stata finalmente censita. La società Kantar Millward Brown, riconosciuta a livello internazionale nella valutazione dell’efficacia pubblicitaria, ha sottoposto a un’analisi i propri dati per comprendere quale sia davvero il ruolo del cinema nelle campagne di comunicazione nelle sale. Nell’indagine sono stati considerati gli studi realizzati in diversi Paesi europei, tra i quali l’Italia, per un totale di 347 campagne e sotto torchio sono finite Digital cinema advertisin, Moviemedia e Rai pubblicità, ovvero le tre concessionarie che rappresentano la quasi totalità del mercato cinematografico […]

  

“Il corriere”: l’alter ego di Kowalski nel testamento di Clint Eastwood

cor3cor4cor2cor1

Adoro i fiori. Durano un giorno solo, come le cose più belle. La vecchiaia è quell’età che l’uomo raggiunge se è fortunato ma la sfortuna in agguato lo sbrana mostrandogli che cosa gli ha rubato. E per sempre. Il paragone tra anni verdi e maturità spesso è drammatico. Odora di morte. Annusa la puzza della fine. È l’ora dei bilanci e dei giudizi. Squilibrio di errori. Un uomo, ormai anziano, si vede pignorare quello che ha. Casa e serra, che per lui significa lavoro. Rinnegato dalla famiglia, trascurata sull’altare del lavoro – la moglie fatica a parlargli e la figlia […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019