Home video: come andare al cinema stando seduti e tranquilli in salotto

Il cinema al tempo del Coronavirus è una fortezza vuota. Storia di un terremoto che ha messo in subbuglio e a soqquadro vite e consuetudini. Addio tecnologia surround e maxischermo, però. L’imperativo è adattarsi con le dimensioni più “umane”, solitamente in uso nelle case perché la Settima Arte bussa alla porta in stile XXI secolo. Ossia arriva attraverso internet e il computer che di virus – almeno in senso biochimico – non ne prendono e non ne trasmettono. Così, la passione di soddisfare la propria fame cinematografica assume i contorni delle novità in versione home video, ormai a prezzi ridotti. […]

  

“Volevo nascondermi”: ecco Ligabue e la sua lucida follia ancora attuale

Non abbiamo bisogno di nessuno, noi. Un’infanzia sperperata tra gli scherni. Il bacillo della follia forse nacque lì, nelle campagne di una Svizzera che gli aveva dato i natali, quasi casualmente, da una madre italiana e un padre adottivo, al quale il bambino diede la colpa del presunto uxoricidio. Questo fu il motivo per cui il giovane Antonio si fece chiamare Ligabue, abbandonando e dimenticando quel cognome paterno – Laccabue – al quale non voleva restare associato. Rimasto senza la mamma e con un papà detestato, il piccolo fu dato in affido a una famiglia di svizzeri tedeschi che lo […]

  

Una “Picciridda” tra silenzi e rancori derubata perfino dell’infanzia

Le bambine fortunate, quelle a cui era destinato un futuro diverso, erano figlie delle galline bianche. Ma questa è un’altra storia. Lucia è rimasta con i piedi nella sabbia. Sola. Sola con la “Generala”, che poi è sua nonna. L’unica reduce di una famiglia emigrata in Francia a caccia di lavoro e fortuna, inesistenti nella Favignana degli anni Cinquanta. Lucia ha carattere, ma anche un cuore ferito. Ha visto papà, mamma e fratellino partire con una promessa, regolarmente dissolta nei vapori amari di chi cerca, nel presente, un futuro più sereno. I suoi dieci anni non la intimoriscono e da […]

  

“Queen and slim”, amore e razzismo in Thelma e Louise al contrario

In una Chicago del “che c’è di nuovo” spunta il razzismo variabile. Già, appunto. Dal classico neri contro bianchi al confine labile dell’odio a buon mercato. Cittadini contro polizia, ad esempio. Perfino quando tutto sembra un gratuito schema libero dove compilare le parole crociate dell’inciviltà. Lui accompagna a casa lei dopo un primo appuntamento che profuma già di opposti. L’onesto commerciante nero Slim (Daniel Kaluuya già visto in Scappa – Get out in cui fu candidato all’Oscar) vorrebbe rivedere l’avvocatessa rampante Queen (l’esordiente Jodie Turner-Smith) non del tutto persuasa però a incontrarlo di nuovo. Fermati nella notte da una pattuglia della […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>