La vittima “Richard Jewell” in lotta contro i pregiudizi. Come Eastwood

richard-jewell-recensione-clint-eastwood-film-wiki-01richard-jewell-recensione-nuovo-film-clint-eastwood-recensione-v7-46920-1280x16richard-jewell-copertina

Richard Jewell è nome poco noto ai più. Almeno al di fuori degli Stati Uniti. Eppure tutti, prima o poi, hanno conosciuto un Richard Jewell nel proprio piccolo. Il suddetto infatti è diventato emblema di vittima dei soprusi e dei pregiudizi del Leviatano. Il mostro istituzionale che perseguita il piccolo anche quando compie al meglio il suo dovere. Nella fattispecie, salvando vite umane. Accadde ad Atlanta. Anno del Signore 1996. Presidenza Clinton. La città della Georgia ospitava i Giochi Olimpici e il calendario dei festeggiamenti comprendeva una serie di concerti, organizzati nel Centennial Olympia park. Un’occasione di svago che richiamava […]

  

“La ragazza d’autunno” tra eutanasia e utero in affitto per vendetta

006dc17bUne_Grande_Fille_02_Non-StopProduction_lightLa-ragazza-dautunno

Un figlio salverà la tua vita ma io posso anche vivere senza. Allora fu Leningrado, oggi è San Pietroburgo. Dal 1945 a oggi tutto è cambiato, perfino i colori. I drammi sono rimasti gli stessi e la guerra resta un dramma invincibile che torna sul grande schermo completamente depurato da significati e implicazioni politiche. La ragazza d’autunno di Kantemir Balagov racconta il secondo conflitto mondiale visto attraverso gli occhi di due donne che ne ricavano esperienze ugualmente traumatiche. Iya e Masha, interpretate da due attrici russe all’esordio sul set, lavorano nell’ospedale che accoglie i reduci dal fronte, tutti con ferite gravi e […]

  

Craxi nel labirinto di “Hammamet”: il capolinea in una prigione dorata

hammamet-1-696x390hammamet-recensione-film-craxi-pierfrancesco-favino-recensione-v7-46867-1280x165e1608a724000041245a54e3

Se Dio c’è, io sarò l’ultimo a saperlo. Storia di un labirinto. Hammamet di Gianni Amelio è il racconto degli ultimi sei mesi di vita di Bettino Craxi, asserragliato – o meglio auto blindato – nel suo buen retiro tunisino. L’ex leader del Psi vi si aggira ormai claudicante, fiaccato dal peso degli anni, della corruzione e dei tradimenti. Quella villa, così arabeggiante, si rivela però per quello che è. Un dedalo in cui si perdono i pensieri, più che gli uomini. Lo statista continua a combattere. Pregiudizi. Vendette. Giustizialismo. Per la prima volta in Italia spunta una parola che si […]

  

Le “Piccole donne” di Greta Gerwig, matriarcali e un po’ femministe

Little_Women_film_2019Saoirse Ronan (Finalized)97798_hp

Un cuore non si misura da quanto ama ma da quanto è capace di farsi amare. Gli uomini se li era portati via la guerra. Quella che rimaneva nell’America di metà Ottocento durante il conflitto di secessione era una cornice matriarcale con molte regole e poche speranze. Riuscire a raggiungere le ambizioni equivaleva a ingaggiare un’altra piccola grande guerra quotidiana contro pregiudizi e rigori in un’epoca in cui i ruoli erano fissi e le deroghe assenti. O rarissime. Piccole donne racconta questa sfida che, a distanza di un secolo e mezzo, sembra ancora attuale negli anni del #MeToo. Allora, gli abusi […]

  

“Sorry, we missed you”, il lavoro trasforma i disoccupati in schiavi

sorry-we-missed-yousorry-we-missed-you-1Sorry-We-Missed-You-2-1024x682

Newcastle e dintorni. Paraggi sospirati e infiniti che non hanno confini nemmeno con la Brexit. L’ambientazione quindi, pur realistica, è totalmente allargata perché purtroppo la precarietà del lavoro è ormai dato acquisito un po’ ovunque. Newcastle, si diceva. Ricky e la moglie Abby devono far fronte ai debiti causati dalla crisi del 2008. Le forze ci sono, l’impiego latita. L’uomo vede uno spiraglio in un impresa di consegna in franchise dei pacchi da recapitare dietro le ordinazioni sul web. Sulle prime sembra la soluzione ottimale a molti problemi, in fin dei conti Ricky sarebbe il principale di se stesso, potrebbe […]

  

“18 Regali”, il dramma di Elisa che non ha potuto allevare sua figlia

020-218-regali-trailerufficiale-h264-1920-1080-mp4-1200x63098631_hp

Elisa è vissuta veramente. Un’intensità che non ha fatto rima con longevità. E ha commosso l’Italia intera per quei diciotto regali, lasciati in “eredità” a una figlia che la sorte non le ha dato modo di conoscere. Il 28 settembre 2017 se n’è andata a soli quarant’anni, lasciando la piccola Anna con l’uomo che non ha mai smesso di amarla, anche tuttora che appartiene a una dimensione diversa. Superiore. Irraggiungibile, se non con il pensiero e la preghiera. Elisa è anche la protagonista di 18 Regali, firmato da Francesco Amato che lo dedica e s’ispira alla figura della Girotto affidata ai […]

  

“Tolo tolo”, il griffato Checco Zalone si riscopre profugo di ritorno

e886b40b28_67486804obj108302336_1.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=1ce1c46checco-zalone-tolotolo--1000x600

La cicogna strabica consegna il bimbo sfortunato in Africa…   Checco, nome d’arte e del protagonista, è un italiano vero. Un sognatore che finisce tartassato dal fisco, nemmeno fosse il peggiore dei delinquenti. Ma tale sembra davvero. Al punto che è costretto dalle circostanze a scappare a gambe levate in Africa – le riprese si svolgono in Kenya ma la cornice geografica non è identificata con precisione perché in fondo poco importa – dove trova schiere di ricconi, alle prese con i cavilli dell’Agenzia delle entrate. E naturalmente con il suo speculare nero, un uomo che invece sogna l’Italia di […]

  

“The farewell”, l’addio alla vita nascosto da un matrimonio

thefarewell.057976_hdthe-farewell-body1

La cena delle beffe è apparecchiata in quel di Changchun dove un dramma si nasconde dietro ai sorrisi. Una famiglia festeggia un matrimonio accelerato allo spasimo, ma i motivi sono ben diversi da quelli che si potrebbero ipotizzare. Nessun lieto evento in arrivo da giustificare la fretta. Tantomeno un amore, incapace di restare entro i confini. La verità la sanno tutti, tranne la nonna, malata irreversibile con pochi mesi davanti a sé, alla quale viene risparmiata l’angosciante diagnosi. Insomma, una bugia. Buona, ma pur sempre bugia. La bontà delle intenzioni non la spingono a interrogarsi neppure quando giunge dagli Stati […]

  

“Pinocchio” ora dice poche bugie e fatica a trasmettere emozioni

4922358_2217_pinocchio_di_matteo_garrone151440067-82e41024-8346-4c0f-870a-4c712f47257aCinema: il Pinocchio illustrato e dark di Garrone

C’era una volta Pinocchio. E oggi c’è ancora. Favola intramontabile che non riesce a smettere di esercitare il suo fascino, l’opera di Carlo Lorenzini, meglio conosciuto come Collodi, ha solleticato stavolta la mancanza di vena creativa di Matteo Garrone, uno dei migliori – se non il migliore regista italiano attuale in assoluto – che paga l’unico difetto nella mancanza di fantasia, spingendolo a occuparsi di casi di cronaca o di grandi classici. Pinocchio riappare dunque dopo l’esperienza “made in Benigni” del 2002, una versione che deluse pubblico e critica con il regista nei panni del burattino, ora presente nel cast nelle […]

  

“Il mistero Henry Pick”: lo scrittore sconosciuto diventa un giallo

UnknownUnknown-1Unknown-2

Henry Pick morì quale era sempre stato. Un pizzaiolo. Un semplice e anonimo pizzaiolo bretone, ignaro di finire dall’oltretomba agli onori della celebrità per aver scritto un libro di successo, pubblicato – ovviamente – postumo. Dall’inopinata scoperta dell’anonimo manoscritto in una biblioteca dei romanzi rifiutati dagli editori, il libro regala fortuna a tutti. La vedova, proiettata al centro dell’attenzione mediatica. La giovane editrice, talent scout di quell’autore dimenticato. La ricerca scientifica che si avvantaggia dei diritti donati dai familiari dello scrittore. E naturalmente il pubblico che trova un nuovo idolo della narrativa. L’operazione però non convince il critico letterario televisivo. […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020