“I crimini di Grindelwald”: animali fantastici fanno inciampare i maghi

cri1cri2cri3cri4cri5

Non ci sono strane persone… solo persone miopi. Anche tra i maghi esistono codici sentimentali. Chiamiamoli amore o forse semplici legami. O ancora equivoci, più che abbagli. Proprio come avviene nel mondo reale. Lo scacco è tutto qui. I crimini di Grindelwald di David Yates, già regista di Animali fantastici e dove trovarli, di cui è il naturale seguito rappresenta il tessuto relazionale del mondo impenetrabile della magia. La colpa – o forse il merito – è di aver calato questi personaggi dotati di poteri stupefacenti in un mondo plausibilmente verosimile. Ossia il nostro. E poco importa se la bacchetta c’è l’ha solo […]

  

“La forma dell’acqua”, silenziosa favola di un dio e una donna muta

forma2THE SHAPE OF WATERforma4

La vita è il naufragio dei nostri piani   Nessuno potrà mai dire se Elisa e il mostro vissero per sempre felici e contenti, però se ne andarono insieme, mano nella mano. Abbracciati, nella profondità dell’abisso. E non li rividero mai più. Perché loro, in fondo, erano nati soli. E soli erano sempre vissuti. Lei, un’orfanella muta, faceva il mestiere che toccava a tutte le ragazzine sfortunate del mondo. Le pulizie. Nella fattispecie, in un centro nucleare. Aveva due amici, soli come lei. Il vicino di casa, un attempato omosessuale, male in arnese con il lavoro e perfino con il […]

  

“Sette minuti dopo la mezzanotte” L’albero è un mostro di psicologia

211 CLIP 208.tif_MG_5971.CR2315 CLIP 311.tif

Le persone non sopportano ciò che non riescono a capire.   Il lato mostruoso dell’esistenza non sono i fantasmi che affollano i giorni, ma le tragedie cui è impossibile sottrarsi. L’irreversibile malattia di una madre, avviata prematuramente al tramonto. Più in generale, l’inspiegabile. Ciò che non ha motivazione né logica. Ciò che si è costretti a subire. L’imposizione cui si deve sottostare. L’inconoscibile. Sette minuti dopo la mezzanotte di Juan Antonio Bayona – regista di The orfanage – è una favola per adulti, una fetta di pubblico normalmente esclusa dal mondo della fiaba. A grandi e piccini il film offre il […]

  

“The great wall” e il monito cinese: all’Occidente conviene trattarci bene

gw3gw1gw2

Questa guerra mi ha fatto capire che, in fondo, siamo simili… Anche i mercenari hanno un cuore. O almeno ce l’ha Garin, un occidentale un po’ sbandato, in compagnia del tutt’altro che fedele Tovar, i quali si ritrovano ai piedi della Grande muraglia, inconsapevoli di ciò che sta per accadere loro. I sentimenti di chi combatte per denaro sotto mille bandiere hanno la stabilità di una piuma in balia del vento, nondimeno Garin sembra una provocazione e in parte, forse, lo è. D’altra parte la vicenda è frutto di fantasia e l’intero racconto è una delle mille leggende sepolte sotto […]

  

Miss Peregrine e i ragazzi speciali: essere diversi tra realtà e fantasia

MP10casa1casa3casa4

-“Devo andarmene, io non ho nulla di speciale” -“Hai il coraggio”   Miss Peregrine ha occhi grandi che promettono speranza. Protegge una schiera di bambini speciali. Quelli che si confondono con il mondo. Sanno di follia o di magia. Sembrano nati dalla chimera dell’Olimpo, invece sono ancorati alla terra anche se hanno ali ai piedi. Sono invisibili. O fatti di pietra. Neppure se sorridono ingenui. E dietro la nuca hanno fauci divoratrici. Abitano mondi irraggiungibili eppur così vicini e lontani. Nel tempo e nello spazio. Nella realtà e nella fantasia. Tra orologi che si fermano e tornano indietro. Mangiano le […]

  

“Animali fantastici”, trovarli si può purché a caccia vada solo la fantasia

FANTASTIC BEASTS AND WHERE TO FIND THEMFANTASTIC BEASTS AND WHERE TO FIND THEMFANTASTIC BEASTS AND WHERE TO FIND THEMFANTASTIC BEASTS AND WHERE TO FIND THEM

In fondo è giusto così. Che io non ricordi…   Diranno che tanto sono creature fantastiche e fantasmagoriche. E non assomigliano affatto a quelli che vediamo intorno a noi. Diranno che tanto non esistono. E forse è vero. Diranno che è solo un gioco o una fantasia. E anche questo si avvicina alla verità. Ma nessuno dirà mai che ancora una volta la salvezza viene da loro. La gratitudine la insegnano loro. L’astuzia è di casa nei loro cervelli, per definizione inferiori rispetto all’uomo. Ma non c’è da giurarci. E, tutto sommato, la pace e l’equilibrio trovano un senso nel […]

  

“Il racconto dei racconti” di Garrone: la via crucis della femminilità

Unknown-4UnknownUnknown-5Unknown-2Unknown-3Unknown-1

“Ogni nuova vita comporta la perdita di un’altra vita. L’equilibrio  del mondo dev’essere mantenuto”. Barocchismi rinascimentali. O forse, semplicemente, finzione, storia e fantasia con quel sapore granguignolesco che fa tanto attualità anche nell’astrazione. E nella sfera dell’irrealtà. Perché la cifra che distingue Il racconto dei racconti di Matteo Garrone, in concorso a Cannes, sta tutto in questo versante interpretativo. Tempo e mescolanza di due opposti. Mondo reale e mondo fantastico. Fino a plasmare un intreccio che sa tanto – tantissimo – di vicenda che possa accadere anche oggi. E forse accade, puntualmente, anche oggi. Terzo millennio. Dietro ogni angolo. Anche […]

  

“Lo hobbit”: e l’inizio arrivò alla fine Un frullatore fantasy tra elfi e orchi

Sei cambiato Thorin. Questo tesoro vale più del tuo onore…     A ritroso nel tempo. Prima la fine. Poi l’inizio. Storie da terzo millennio. Cicli epici, altrimenti definite saghe. Cinema postmoderno. Se non in tutto, almeno in alcuni dei caratteri che contraddistinguono la Settima Arte a cavallo tra la fine del Novecento e il Duemila. E quello di filoni che ondeggiano tra sequel e prequel è uno degli aspetti distintivi di una postmodernità che, sul grande schermo, dà i primi vagiti già negli anni Ottanta. Tuttavia per una saga che passa e chiude ce ne sarà un’altra in arrivo […]

  

“Godzilla”, il nucleare genera mostri

Non puoi continuare a scappare. Non puoi seppellire la verità nel passato…     Potrà sembrare strano. Forse stranissimo. Ma l’ennesimo Godzilla della storia del cinema – si cominciò nel 1954 quando Ishiro Honda girò Gojira – ha l’ambizione di lasciare un piccolo ma sincero testamento di emozioni e insegnamenti. Il film giapponese che, per primo, portò sul grande schermo questo famelico gigante che inghiotte pescherecci causando maremoti ad ogni suo movimento, era collegato al tema del nucleare. Il protagonista aveva escogitato una bomba per uccidere Godzilla, ma poi si era lasciato morire per non trasmettere ai suoi eredi i […]

  

Spider man folgora il cattivo Electro ma ritrova già il perfido Rhino

Nessuna buona azione resterà impunita…       Quando Jamie Foxx è tornato a casa dopo aver firmato il contratto per interpretare Max Dillon, alias Electro nel secondo Spider man, sua figlia è stata lapidaria. “Papà, le prenderai. Lo sai, vero…” Ed è inutile, totalmente inutile, nascondersi dietro un dito. Evitare di raccontare il finale per non togliere entusiasmo allo spettatore. Amazing spider man 2: Il potere di Electro di Marc Webb non è genere che non si sappia già all’inizio che l’eroe di turno – l’Uomo Ragno, in questo caso – l’avrà vinta su tutti. E invece un colpo […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2018