“La La Land”, sfida ad amore e lavoro in una lotta all’ultimo sogno

LLL d 37 _6000.NEFLLL d 07 _1326.NEFLLL d 29 _5194.NEF

Chi ama con il cuore non si separa mai. Se ne va solo chi ama con gli occhi.   L’ambizione è un fuoco che divora. Una sirena che ammalia. E il confine tra l’irrealizzabile chimera e il traguardo da abbrancare con le mani diventa labilissimo. La differenza sta in un’entità astratta che abita nell’animo. Nel cervello. Nei nervi. La convinzione di crederci. Quando tutto sembra irrimediabilmente perduto. Il destino si oppone. Le circostanze sono sfavorevoli. E gli ostacoli aumentano a vista d’occhio, al punto che perfino il passo più semplice appare come una montagna da scalare a piedi nudi. La tenacia, […]

  

“Annie”, i tanti volti della famiglia

images-1images-7images-2images-4images-8

Piccola. Nera. Molto femminile. E decisamente intelligente. Lei è Annie, una delle “piccole donne” stile terzo millennio. Diseredate. Orfane. Abbandonate. Ma non sole. Annie, con un manipolo di disgraziate bambine della stessa età, riceve asilo da una sorta di Crudelia De Mon, ubriaca e dissoluta, che sembra trattarle con la stessa cattiveria con cui la celebre diva del fumetto usava i teneri dalmata. Voleva guadagnarci, insomma. Ma la bimba, incapace pure di leggere e scrivere, tenta le sue ricerche e non perde la speranza di ritrovare i genitori, al punto da tornare periodicamente all’appuntamento con loro davanti al locale dove […]

  

I “Jersey boys” sotto un lampione: l’America d’antan sospira in musica

Quei quattro ragazzi sotto un lampione… Quando eravamo nell’ombra, tutto scompariva e restava solo la musica… Ecco, quello era il massimo.                 Francesco Stephen Castelluccio era uno di quelli che non si tiravano indietro. Perché se ti nascondi non sei del New Jersey. E lui era del New Jersey. Italo-americano di seconda generazione. Un accento napoletano da mettere i brividi, ma nato là. A Newark. Patria di yankees dall’inflessione italiana. “Frankie Valli, ti devi chiamare. Ma con la i, perché sei italiano. E il nome deve finire in vocale. Niente ipsilon, insomma. Che […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2018