“Red sparrow” tra Russia e America continua un’infinita guerra di spie

sparrow1sparrow3

Gli incidenti? Non sempre sono una fatalità   Dominika aveva una sola passione. La danza. Durò poco come prima ballerina. Il partner la azzoppò cadendole addosso e rompendole una gamba in modo incompatibile con il ballo. L’incidente, che forse non fu incidente ma dolo, fece perdere una stella e regalò ai servizi segreti russi una spia. Controvoglia. Perché la ragazza aveva in testa una cosa sola dopo la vendetta. Dopo aver scoperto che quel partner se la spassava con chi la aveva sostituita. In codice li chiamavano “passeri”. Erano le nuove leve che supportavano il lavoro degli agenti sotto copertura. […]

  

“Il ponte delle spie” e la guerra fredda: Spielberg indaga tra Est e Ovest

p3p1p2p4p6

Non dovremmo forse mostrare ai nostri nemici ciò che siamo….   Pezzi di secolo breve. Anzi brevissimo. Frammenti di una cronaca che tale non è più, ma è troppo giovane per essere già parte della Storia. Con Il ponte delle spie, Steven Spielberg torna a puntare la macchina da presa sui temi che più gli stanno a cuore. Quell’intersezione in cui gli avvenimenti cessano di essere semplicemente tali e diventano simboli di una contrapposizione politica. Era accaduto con Schindler’s list prima e con Munich poi. L’Olocausto, ovvero lo scontro nazisti-ebrei e il conflitto israelo-palestinese sfociato nell’attentato ai Giochi olimpici del ’72 […]

  

The East, scacco matto alla chimica

Aiutami a non essere arrogante. Ma nemmeno debole. Amen. Sono molti i casi di vittime di rapimenti passate dalla parte dei sequestratori. Il più famoso è quello di Patricia Hearst, erede di una dinastia di magnati americani, tra i quali spicca William Randolph, il nonno, che creò un impero nell’informazione popolare e nel giornalismo scandalistico e fu eletto per due mandati alla Camera dei Rappresentanti, senza tuttavia raggiungere il governatorato dello stato di New York a cui puntava. Patricia era la nipotina. Fu sequestrata il 4 febbraio 1974 dall’esercito di liberazione simbionese e passò tra le file dei terroristi. Lo […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2018