“Rocketman”, Elton John risorge dall’inferno di alcol e droga

imagesUnknown-1Unknown-2images-1

Discesa e risalita dall’inferno. Prima di alcol e droga fu la famiglia, ovvero due genitori incompatibili. Un padre anaffettivo e una madre sbrigativa verso un bambino buono, al quale poco importava di altro che non fosse la musica. Ed eccelleva per talento e orecchio. Reginald, mite e affabile, divenne Elton John ma i rapporti dei suoi genitori con lui non riuscirono mai a prendere una piega di umanità e calore. Ad allevare quel ragazzino fu la nonna, l’unica a saperlo comprendere e donargli un affetto tanto grande quanto insufficiente a colmare le carenze e le lacune di una mamma e un […]

  

“Mamma mia! Ci risiamo”: la figlia di Donna è bizzarra come sua madre

mam1mam2

Dieci anni e il resto mancia. Sophie (Amanda Seyfried) resta giovane, ma purtroppo è orfana. Donna (Meryl Streep) è il ricordo vivo nel cuore delle sue tre amiche e dei suoi spasimanti di cui uno è il papà di Sophie. Di mezzo c’è sempre un albergo e una Grecia giocherellona che continua a fare bisticci con i cuori dei protagonisti. E poco importa se sono un po’ stagionati nel frattempo oppure hanno il piglio fresco di nuovi amori e nuove speranze. C’è sempre una ragazza ambita da tutti e c’è sempre chi scalpita e vuol fare il furbo. C’è un […]

  

“A star is born”: Lady Gaga lanciata da Bradley Cooper rockettaro

star1star3star4

Il talentuoso e il pigmalione. Un rapporto che si avvicina a quello fra maestro e allievo, in un’equazione che combina ambizione e speranza. Rivalsa e desiderio di sentirsi parte di un mondo dal quale la sorte ha chiuso ogni strada. Poi, all’improvviso il sogno irraggiungibile si materializza e spesso accoppia successo, amore e qualche pena perché in realtà senza un fondo amaro non c’è amore e una dose di angoscia è il contrappasso del destino per i traguardi conseguiti. Lo schema ricalca la costruzione di A star is born di Bradley Cooper che recita nei panni del protagonista ed è noto […]

  

“La forma dell’acqua”, silenziosa favola di un dio e una donna muta

forma2THE SHAPE OF WATERforma4

La vita è il naufragio dei nostri piani   Nessuno potrà mai dire se Elisa e il mostro vissero per sempre felici e contenti, però se ne andarono insieme, mano nella mano. Abbracciati, nella profondità dell’abisso. E non li rividero mai più. Perché loro, in fondo, erano nati soli. E soli erano sempre vissuti. Lei, un’orfanella muta, faceva il mestiere che toccava a tutte le ragazzine sfortunate del mondo. Le pulizie. Nella fattispecie, in un centro nucleare. Aveva due amici, soli come lei. Il vicino di casa, un attempato omosessuale, male in arnese con il lavoro e perfino con il […]

  

Barnum, “The greatest showman” che balla fra mostri veri e “mascherati”

bar1bar2bar3

L’arte più nobile è dare felicità agli altri   L’invenzione del circo – termine che deriva dal latino circus, significa cerchio e indica la struttura circolare dell’arena – data in epoca romana. Nell’antichità vi si ospitavano gare equestri, ma anche passerelle di animali ammaestrati ed esibizioni di giocolieri. Dal Rinascimento in poi questa forma di spettacolo dal vivo divenne prerogativa dei Sinti, un’etnia nomade che utilizzava le bestie per attrarre gli spettatori e incassare qualche spicciolo. Ma la sterzata verso qualcosa di rivoluzionario avvenne a metà dell’Ottocento grazie a Phineas Taylor Barnum, un cognome che ancora oggi definisce il circo […]

  

“Ammore e malavita”, satira di lusso tra 007, Flashdance e la camorra

259

Ma chi è ‘sto don Vincenzo…   Scena prima. Napoli. Funerale. Scattano scongiuri e corna in stile partenopeo, ma… Attenzione. Si sta seppellendo un boss, il temuto don Vincenzo. ‘O re do pesce. Almeno così pare. La scena sembra normale e, sulle prime, non si notano stranezze. Tuttavia, come in un gioco di prestigio, dopo lagnanze – a metà strada tra goffaggine e melodramma, finzione, recita e facimm’ammuina – il morto comincia a cantare. Non in gergo malavitoso, ma nel vero senso della parola. E siccome Ammore e malavita è firmato dai Manetti Bros che per la musica – meglio […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019