“Blinded by the light”, l’indiano salvato dalla musica rock del “Boss”

imagesUnknownUnknown-1

La mia speranza è costruire un ponte per le mia ambizioni, non un muro fra me e la mia famiglia. “Pakis out”. Gli inglesi non sono mai stati fantasiosi nemmeno nella protesta. E quella razzista dei thatcheriani degli anni Ottanta sembra riecheggiare ancora oggi. Eppure i tempi del film sono lontani una trentina di anni abbondanti. La “Lady di ferro” che teneva i britannici a stecchetto aveva le sue belle gatte da pelare con gli immigrati che non avevano il volto massiccio di oggi. In molti li detestavano, in pochi li tolleravano. Storia di un’insofferenza atavica da ex colonie. Il […]

  

“Chiamami col tuo nome”, la noiosa bisessualità di un diciassettenne

nome3nome1nome2

Non ha senso rinunciare a provare qualcosa per la paura di provare qualcosa   Era l’estate del 1983, quella di “Lady lady lady” e di Flashdance. Tanta voglia di ballare con il cuore a mille e gli ormoni in un frullatore che non conosce soste. Crema non si affaccia sul mare, ma è lo stesso. Licenza cinematografica, perché il romanzo di Andrè Aciman da cui è tratto Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino – stesso titolo del libro – è invece ambientato in Liguria. Una storia nostrana e un pezzo d’Italia dove lo stupore per l’ascesa di Craxi e le […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019