“The dressmaker”: vendetta di moda Il diavolo ora veste Kate Winslet

DRE1DRE2DRE3DRE5DRE6

Dungatar, provincia del nulla. Il paese non esiste sulla mappa geografica. Ma, come non puoi non sapere se ci sei stato almeno una volta nella vita, sono infiniti i Dungatar d’Australia. Come è infinito il suo nulla. Luogo d’invenzione dunque, come partorito dalla fantasia è il demonio, ma non la demoniaca volontà di far soffrire chi ha imposto sofferenza. In una parola, vendetta. Quella che viene raccontata in The dressmaker – Il diavolo è tornato di Jocelyn Moorhouse è la storia di una ragazzina incolpata ingiustamente della morte di un coetaneo e, per questo, espulsa dal villaggio che continua a […]

  

“Wolf creek”, macelleria del disgusto

Unknownimages-1Unknown-1

La prima regola dell’outback è non fermarsi mai.   Australia profonda. Dove nessuna voce raggiunge la salvezza. Nessun grido può riscattare un’anima nel labirinto. Nessun anelito alla libertà può essere soddisfatto. E negli spazi infiniti si può essere prigionieri come dietro le sbarre di una cella. Wolf Creek è un cratere. Sperduto in quel nulla infinito che è l’outback australiano. Dove tutto e niente possono accadere con la medesima facilità. Ed è anche un film di Greg McLean. Un sequel, come si dice, con lo stesso titolo e l’aggiunta esemplificativa de La preda sei tu, per differenziarlo dall’edizione del 2005. […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019