“L’infanzia di un capo”: metafora di come nasce e cresce un dittatore

infinfanzia

Non puoi lasciare che comandi lui…   Prescott non è un nome da arcobaleno. E nemmeno odora di tacchi sbattuti all’improvviso. O plotoni sull’attenti. Ha tratti femminili e la sua natura è spesso fraintesa. È lui il primo ad adombrarsene, ma tant’è. La pena del contrappasso per l’esibire grazia dietro i boccoli biondi è essere confuso. Prescott è nome da ambasciatore californiano di hamburger ma diventa eponimo di un leader. Quello che forse non sarebbe mai. Un dittatore nato dal nulla, dal ventre di una madre che ha rischiato la sua stessa vita per darne una a lui. Destino non raro […]

  

“Il Passato”, fiele di vita eterna

Sono stufa di vedere mia madre che ogni tre anni cambia fidanzato         Il passato è una valigia lasciata in cantina. Una valigia chiusa, che un giorno qualcuno viene a riprendersi. E se la porta via. Non senza averla aperta. Spalancata. Non senza averne estratto l’anima. Che non pesa un grammo al check in. Ma vale giorni. Mesi. Anni. E il gravame di sensazioni mai smaltite. Mai – appunto – passate. Il passato è ieri che diventa oggi. Presente storico. Iterativo transito che collega come eravamo a come siamo. Un siamo che forse non saremmo mai, se […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019