“Il corriere”: l’alter ego di Kowalski nel testamento di Clint Eastwood

cor3cor4cor2cor1

Adoro i fiori. Durano un giorno solo, come le cose più belle. La vecchiaia è quell’età che l’uomo raggiunge se è fortunato ma la sfortuna in agguato lo sbrana mostrandogli che cosa gli ha rubato. E per sempre. Il paragone tra anni verdi e maturità spesso è drammatico. Odora di morte. Annusa la puzza della fine. È l’ora dei bilanci e dei giudizi. Squilibrio di errori. Un uomo, ormai anziano, si vede pignorare quello che ha. Casa e serra, che per lui significa lavoro. Rinnegato dalla famiglia, trascurata sull’altare del lavoro – la moglie fatica a parlargli e la figlia […]

  

“A star is born”: Lady Gaga lanciata da Bradley Cooper rockettaro

star1star3star4

Il talentuoso e il pigmalione. Un rapporto che si avvicina a quello fra maestro e allievo, in un’equazione che combina ambizione e speranza. Rivalsa e desiderio di sentirsi parte di un mondo dal quale la sorte ha chiuso ogni strada. Poi, all’improvviso il sogno irraggiungibile si materializza e spesso accoppia successo, amore e qualche pena perché in realtà senza un fondo amaro non c’è amore e una dose di angoscia è il contrappasso del destino per i traguardi conseguiti. Lo schema ricalca la costruzione di A star is born di Bradley Cooper che recita nei panni del protagonista ed è noto […]

  

Eastwood ritorna attore e regista: corriere nel mirino in “The mule”

c2

Sarà Earl Stone, un’ottantenne autista con problemi di denaro a causa dell’anticipata chiusura della sua azienda, il nuovo personaggio interpretato da Clint Eastwood che da poco ha compiuto 88 anni. E ha festeggiato tornando doppiamente sul set perché del film provvisoriamente battezzato The mule sarà regista e interprete. Le riprese sono iniziate ieri ed è ancora presto per fissare una data di uscita anche se è facile prevedere un esordio dopo settembre e prima di Natale. L’autore californiano è allergico alle vetrine dei festival e trascura geografie e presunte precedenze. American sniper uscì in Italia – alla quale Clint è fortemente […]

  

“Il sapore del successo” è amaro

UnknownUnknown-3imagesUnknown-1

C’è sempre una donna dietro il successo di un uomo   Le vergogne del passato. I trascorsi poco limpidi. Errori e battaglie che passano dalla tavola. E approdano al cinema. Forse il perdono o il riscatto da esperienze difficili e respingenti è racchiuso in un verbo – digerire – con relativi sinonimi e contrari. Indigesto, ad esempio. Rimettere le colpe è impresa che toccherebbe anche agli esseri umani, se ne fossero capaci. Ma la comprensione – che non sempre significa giustificazione o conoscenza dei motivi di certe scelte – è il passo preliminare per tendere una mano. Offrire aiuto a chi […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019