“I segreti di Wind river”, le donne scomparse nel nulla in Wyoming

????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????48212

La frontiera americana esiste. È un confine aleatorio, purtuttavia vero, progressivamente cancellato dalle guerre indiane che spinsero le popolazioni dei nativi in aree circoscritte. Oggi si chiamano riserve e hanno il sapore amaro di ghetti più o meno estesi, dove i discendenti dei primi abitatori del continente sono stati trasferiti. Il limite resta. Nei fatti e nei cuori. E molti, al di fuori di quelle aree hanno vanamente tentato un’integrazione impossibile. Sono rimasti segregati in libertà. Schiavi di indifferenza. Disinteresse. Il nulla. A tanto valgono le vite in certi angoli del Wyoming ancora ai giorni nostri. Il corpo di una […]

  

Xenofobia tedesca, attualità europea “Oltre la notte”, ingiustizia è fatta

notte2notte1

La vendetta finisce talvolta nel cupio dissolvi generale. È storia attuale quella descritta da Fatih Akin in Oltre la notte, presentato a Cannes nel maggio 2017 e ispirato a fatti realmente accaduti, che purtroppo mantengono intatta la loro validità anche con il trascorrere del tempo. È storia di emigrazione e di emarginazione anche quando finisce quella vita fatta di spaccio di piccole quantità di droga. Non è il mondo della criminalità a esigere pedaggi, ma quello di una politica costruita sull’intolleranza. La civilissima Germania fa i conti ormai da lungo tempo con i residui ma accaniti avanzi del neonazismo, che nulla hanno di ideologico […]

  

“Il mio Godard” tra Mao, contestazione e affetti

thumb_52281_film_film_bigthumb_51678_film_film_bigthumb_52280_film_film_big

Jean Luc Godard in dieci stazioni. Via crucis di un amore che si accompagna a un film – La cinese – e al nascere della contestazione giovanile, agli albori del Sessantotto parigino ed europeo. Il mio Godard, ovvero il “formidabile” nel titolo originale Le redoutable, di Michel Hazanavicius ripercorre con leggerezza e ironia una stagione particolare della vita professionale e umana di un regista che ha impresso una svolta, come icona della Nouvelle vague. Cinema autoreferenziale che incontra la Storia e anticipa gli avvenimenti. La pellicola godardiana esce infatti nel ’67 e anticipa quell’afflato maoista che avrebbe pervaso larga parte del movimento studentesco, […]

  

“Dheepan”, le tre vite di un cingalese che s’incammina verso la felicità

imagesUnknown-3images-1UnknownUnknown-2Unknown-1

Il colore del vivere sta tutto lì. Talvolta. Migliaia di cerchietti fosforescenti che ammiccano ebeti nel buio. Il popolo delle discoteche e del divertimentificio non c’entra. Stavolta. Dheepan – Una nuova vita di Jacques Audiard, Palma d’oro 2015 a Cannes, guarda attraverso luci e colori. Risplende nell’oscurità. E’ il bagliore fioco della tristezza a basso prezzo. Ma ad altissimo costo. Quei cerchietti che brillano penetranti, altro non sono che lampi di chi vive fuggendo. Con la sua mercanzia da due lire. Ammennicoli che durano lo spazio di una sera. E di una follia. Forse, un tuono di passione effimera. E finiscono […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019