“Una luna chiamata Europa”: quando l’immigrato fa… miracoli

luna1luna2luna3

Talvolta i miracoli accadono. Anche sotto i nostri occhi. Eppure di rado si ha la capacità di riconoscerli e non piegarli al comune e volgare sfruttamento di una personale utilità. La fede, che pur facendo rima con devozione, può anche limitarsi all’osservazione consapevole del soprannaturale, diventa un superficiale orpello in un’attualità che la vede mescolata a una quotidianità in cui le infinite occasioni di aiuto si rivelano invece spunti per ricavare un proprio specifico interesse. Immigrazione. Taumaturgia. Corruzione. Ingredienti di una società distratta, troppo spesso ormai concentrata su ben altro rispetto all’essenzialità. Una luna chiamata Europa di Kornel Mundruczò, presentato a […]

  

“Red sparrow” tra Russia e America continua un’infinita guerra di spie

sparrow1sparrow3

Gli incidenti? Non sempre sono una fatalità   Dominika aveva una sola passione. La danza. Durò poco come prima ballerina. Il partner la azzoppò cadendole addosso e rompendole una gamba in modo incompatibile con il ballo. L’incidente, che forse non fu incidente ma dolo, fece perdere una stella e regalò ai servizi segreti russi una spia. Controvoglia. Perché la ragazza aveva in testa una cosa sola dopo la vendetta. Dopo aver scoperto che quel partner se la spassava con chi la aveva sostituita. In codice li chiamavano “passeri”. Erano le nuove leve che supportavano il lavoro degli agenti sotto copertura. […]

  

“Directions”: le storie della notte, al bivio tra corruzione e onestà

DIR1DIR2DIR3

Non c’è felicità per chi emigra. Mai. Abbiamo preso direzioni sbagliate, ecco il problema   Un professore di filosofia sull’orlo del suicidio. Una storica estromessa dalla carriera universitaria per non aver accettato le avance di un docente. Un chirurgo in procinto di cercare fortuna all’estero. Una ragazzina nemmeno maggiorenne che vende il suo corpo a un vecchio. La confessione di un anziano a un cane solitario. Un uomo che si avvia verso il trapianto scortato da un prete ortodosso alla guida del taxi per arrotondare. Quella del tassista non è una professione, in Bulgaria. È un rifugio. Chi non ce la fa […]

  

Quella surreale ironia di “Ma Loute”: il mondo alla fine del mondo

imagesUnknown-1Unknown-2Unknown-3Unknownimages

Lascia stare il cibo. Li abbiamo presi stamattina Estate 1910, la guerra è alle porte, ma ancora sufficientemente distante per non apparire come la fine di un mondo che in realtà sembra già finito da un pezzo. Scampoli di varia e discutibile umanità galleggiano sulla superficie di un’apparenza senza sostanza. Frammenti di isole disperse in un mare disordinato. L’incontro fortuito di eterogenei fantasmi è la scomparsa. Il mistero che si svela in un baleno e non porta la gioia della verità, perché se ne scopre il suo lato più amaro. L’inutilità. Il vano, vacuo e ondivago nulla in cui tutto […]

  

“Il pretore” che condanna gli onesti per far meglio le corna alla moglie

Le donne sono una risorsa, ma anche una maledizione         L’odore ripugnante dell’amore. Del sesso rubato a pagamento. Non sempre una “marchetta”. Spesso quella cambiale adagiata proprio là sull’avvallamento del fondo schiena. Saldo di un corpo. E della chimica di cromosomi stolti. Sprecati nel nulla di un ripugnante piccolo universo di pochezze e povertà che i pettegolezzi coprono di ridicolo. Infamia risibile. Peggio dell’infamia. E basta. Storia di corruzione e vermi striscianti. Storia di un’Italia che fu. E’ stata. E purtroppo – troppo spesso – è ancora.  Fra gli effluvi di un bordello dolceamaro. Tra sigarette incenerite […]

  

Quell’inganno di “American hustle”: il lato negativo degli Stati Uniti

La gente crede soltanto a ciò cui vuole credere…           Amore e inganno. Amicizia e inganno. O forse inganno e basta. Come dietro ogni piega della vita. Come in ogni piega di una quotidianità individuale o collettiva. Quel leggero confine oscillante tra la verità e ciò che sembra vero. Tra spontaneità e artificio. Quella soglia vacillante e labile che sa di truffa  o di illusione. E la truffa, come l’illusione, al cinema, hanno sempre avuto parti di grande rilievo.  Per American Hustle – L’apparenza inganna di David Owen Russell, il regista che l’anno scorso portò all’Oscar […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019