“Elle”, a cena con lo stupratore: storia di un mondo a doppia faccia

elle1elle2elle3

“Ti ho ucciso dicendoti semplicemente: Vengo a trovarti”   Ombre di vita riflesse nella luce delle maschere. Ambiguità di un doppio se stesso che si specchia nella duplice copia dell’altro. Volti presentabili nascondono perversioni. Immagini dell’incubo. Angoscia da torturati di una psiche fatta a pezzi da un videogioco che mastica realtà. La paura della vittima. Ma ognuno è vittima. Elle di Paul Verhoeven – indimenticata firma di Basic istinct e Starship troopers – è un film drammatico con toni thriller tra psicologie a prova di trattamento sanitario obbligatorio. Follia lucida, con contorno di sesso e coltello. Un brivido che corre lungo la schiena […]

  

La verità è un albero “in fondo al bosco”

Unknownimages-1images-2Unknown-1Unknown-2

Sono sempre stato innocente, ma nessuno lo ha scritto   Anche il diavolo ha le sue ragioni. Pur essendo il malvagio per definizione. E “omicida fin da principio”, come lo definì Cristo. Già assassino. Ebbene anche il demonio sa essere innocente. Ma  è impossibile dimostrare l’assenza di colpe se si è considerati – temporibus illis – il ricettacolo e i depositari di ogni male. L’equazione non fa una grinza e il possibile accade. Come il presente più scontato ed esile. Fatto di corna e di forconi. Di male e di sangue. Di vite al capolinea. Il perfido e goffo Asmodeo […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020