“Hannah”, confine della disperazione

han1han2

Hannah è una donna semplice. Dimessa. Tutt’altro che arrendevole. Emarginata. Tenta di riscattare la propria insoddisfazione, ma invano. Ogni passo è un nuovo scivolone e un’inattesa disillusione. La fine è un progressivo allontanarsi da un mondo che la respinge. A portarsela via è un anonimo vagone della metropolitana di Bruxelles. Nell’ordinaria quotidianità del nulla. Hannah di Andrea Pallaoro sta tutto in queste esili trame, perché la trama – e non è un bisticcio di parole – di fatto non esiste. La protagonista (Charlotte Rampling) è confinata nella sua solitudine in seguito a una serie di misteri che il regista trattiene nella […]

  

Sul “Monte” di coraggio e caparbietà sta la sfida eterna alla disperazione

mo1mo3

Quel monte è solo morte   La caparbietà è un piccolo Giano a due facce. Un volto mostra il pregio di essere testardi, l’altro ne sottolinea il difetto. Ottusità manifesta. Grettezza di una mente arida. Refrattaria alla sfida. Chiusa come una valle cieca in fondo a una montagna che interrompe vista. Luce. Pensiero. La fine di un tutto che si ostina a resistere contro se stesso e a scontrarsi contro la pietra. Roccia di una disperazione non scalfibile finché il martello instancabile del folle apre un varco al sole. Alla vita. Alla speranza che domani i sassi possano trasformarsi in […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019