“Ritratto di famiglia con tempesta”: a lezione dal figlio per fare il padre

ri1ri2

Le due facce della tempesta. Meteorologica e metaforica. Flagello dell’ambiente e dell’animo umano. Coniugazione multipla dell’esterno e dell’interno. Fuori e dentro, come due mondi che trovano una spontanea unidirezionalità nella quotidianità. Ritratto di famiglia con tempesta di Kore-Eda Hirokazu, regista già conosciuto per Little sister e Father and son, è il teorema di questa duplicità, applicata all’individualità. Non a caso, al centro del film sta una famiglia in dissoluzione per la separazione di una coppia, che nemmeno un’imprevista coabitazione per la furia degli elementi riesce a ricondurre alla pace. La donna è esasperata dal marito, un giocatore d’azzardo, e fatica a […]

  

“Dopo l’amore” cominciate a contare

dopo3dopodopo1

Quando l’amore è al capolinea restano i conti. Di un sentimento. Una condivisione che fu. Un bilancio che non torna mai. Sprazzi di una felicità ossidata. E uno sterco del demonio che mette a nudo, sul banco dei pegni, chi ha dato e chi ha preso. Sotto la voce ammanchi, ricchi e poveri in cerca d’autore e di se stessi. Dopo l’amore di Joachim Lafosse  racconta la coppia che scoppia e come scoppia la coppia. Boris (Cédric Kahn) e Marie (Berenice Béjo) sono sul punto di separarsi, ma i due rappresentano le facce opposte della società. La povertà dell’uomo rispetto […]

  

“Tutti pazzi in casa mia”: i coniugi giocano al tradimento più grosso

zz1zz3zz2zz4

Una giornata qualunque che diventa un incubo. Con le magagne del passato e un presente soffocato da un’ipocrita tranquillità. Il tran tran di una famiglia borghese finisce sconvolto dalle confessioni. Ammissioni con il beffardo sapore di uno smacco multiplo. A chi l’ha combinata più grossa. Tutti pazzi in casa mia di Patrice Leconte mette in burla il paradosso di un matrimonio… a quattro. Lui – Christian Clavier di Non sposate le mie figlie – che tradisce lei con la sua migliore amica. Lei – Carole Bouquet di Buffet freddo e Troppo bella per te di Bertrand Blier – tradisce lui con […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019