“Loveless”, cronaca di un rifiuto

LO9-Maryana SpivakLO16lov

L’avrei tenuto, avresti dovuto saperlo…     L’esclusione non ha età. Ha il sapore amaro del rifiuto, l’intensità di non sentirsi accettati che si coniuga in due tragiche parole. Senza amore. Le stesse che danno il titolo a Loveless di Andrey Zvyagintsev, presentato a Cannes, su un tema scottante quanto vicino. Non essere voluti significa non essere amati, un concetto che il film declina nella chiave – spettrale – di una coppia ormai prossima al divorzio, in cui entrambi hanno già iniziato nuove relazioni e intendono dedicarsi a tempo pieno ad esse “dimenticando” il figlio. Nessuno vuole offrirgli insomma quel nuovo […]

  

“L’intrusa”: le ombre della Camorra nella banlieu della Campania

lintrusa_cinelapsusL_Intrusa1intrusa

Per me sei Maria, non la moglie del boss. E ho conosciuto altre Maria come te. Me nessuna era felice.   La Masseria è un luogo di gioco, ma anche un rifugio. Dalle logiche della criminalità che sventra cuori e quartieri. Vite e giorni. A gestirlo è Giovanna (Raffaella Giordano), ancora di salvezza di tante madri, con figli che rischiano di essere risucchiati dalla camorra. Quel centro è una zona franca, una di quelle dove – almeno teoricamente – non entrano i fuorilegge. Finché una notte. O meglio una mattina. Finché in cortile spunta la polizia. In uno dei fatiscenti […]

  

“Un bacio” per non escludere: tutti hanno bisogno di amore

un-bacio-il-poster-ufficiale-del-film-di-ivan-cotroneo-254258-1280x720mgid-arc-content-paramountchannelun ba

E pensare che bastava così poco… Bastava capirsi.   L’esclusione è la forma di violenza con cui gli adolescenti affermano la propria supremazia e sottomettono i coetanei. Ma spesso, molto spesso, l’emarginazione è anche l’area in cui l’adulto viene confinato dalla vita. Da un destino miserrimo. Talvolta da se stesso. Oppure dalla depressione che deriva dalle proprie azioni. O non azioni. Un meccanismo perverso che uccide. E lascia sui giorni odore di letame. Quando ormai è tardi. E non resta niente altro che il rimpianto. Il dolore. Perché in fondo ci si rende conto che bastava poco. Molto poco. Era […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020