“Dumbo” vola sulle ali della speranza in un mondo senza maltrattamenti

du4du1du3

Fu un buffo capovolgimento di lettere a battezzare quel piccolo. Lo chiamavano Jumbo finché una scossa ai caratteri mobili della locandina trasformò in D l’iniziale. E da quel giorno l’elefantino con le orecchie smisurate da assomigliare ad ali divenne Dumbo. Nato in cattività, nelle gabbie di riposo di un modesto circo di provincia nell’America profonda del Missouri, voleva la sua mamma. Come qualsiasi cucciolo del mondo a due o quattro zampe. Ma il mondo degli umani non ha mai avuto il dovuto rispetto per gli animali e il vagone dove il piccolo aveva visto la luce era ancora di quei […]

  

“Quello che non so di lei”, Polanski fa sfidare sua moglie con Eva Green

LEI1LEI18LEI19

Non siamo responsabili delle vite degli altri   Due donne e una penna. Metafora di scrittura, perché la prosa è il denominatore comune fra una scrittrice di successo in crisi di ispirazione e una “ghost writer” che mette le sue frasi al servizio di altri. Ma resta sempre nell’ombra. Si dà il caso che quest’ultima sia un’ammiratrice della prima e tenti di soccorrerla nei suoi giorni disperati. La narratrice, in balia di se stessa e dei suoi fantasmi le si affida senza remore, al punto da concederle l’uso del computer e delle sue parole chiave per gestire posta e contatti […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019