“I fantasmi d’Ismael”, caleidoscopio di goffe apparizioni e scomparse

fan3fan2fan1

Le ombre di un passato che torna all’improvviso. Vivo quando lo si credeva morto. Morto quando si confidava che fosse vivo. Fantasmi che affollano la mente e sovrappongono ciò che è con ciò che sembra. Fino a sconvolgere l’immaginazione. Deturpare i giorni. Miscelare sensazioni nel frullatore dei sentimenti. Un domani fosco come l’oggi, con fantasmi che restano anche quando sembrano essersene andati. E agitano perfino la morte di un vecchio. Il suo sentire. L’accavallarsi di convinzioni e giudizi che avvelenano i suoi rapporti con ciò che gli resta di un mondo crudele. Una figlia irresponsabile. Un genero al quale addossare […]

  

“Ricomincio da noi”, la nuova vita dopo un tradimento british

rico1rico2

Tutto cominciò, o forse finì, dietro quella porta. L’apparente contraddizione è solo una questione di prospettive. Perché dietro quella porta, un marito viene sorpreso mentre bacia appassionatamente un’amica di sua moglie e per lei – al tempo stesso – finisce un matrimonio e inizia una nuova vita. La cornice anagrafica non è delle più verdi e l’irreparabile accade alla festa per il pensionamento dell’uomo, campione di tennis e, fino a quel momento, di rispettabilità. È una tarda età divertente e baldanzosa che non si arrende allo scorrere della vita ma se ne rende protagonista. Ricomincio da noi di Richard Loncraine, regista prevalentemente teatrale, […]

  

In carcere sboccia un “Fiore”

fiore5fiore3fiore2fiore4

Ti aspetterò, fin quando uscirai. Poi andremo al mare…   Un calcio alla vita. L’odore del carcere ha il fetore di esistenze irrecuperabili. Fortezze che uccidono la libertà e l’amore. Se esiste un riscatto che la civiltà di oggi chiama recupero, esso abita dentro l’essere umano, non certo nelle istituzioni. Non c’è insomma un modo per sentirsi liberi quando liberi non si è. Né di sognare, né di amare. Né di costruire il proprio futuro. O, semplicemente, di immaginarlo. Neppure se la cella è palestra di rieducazione e non invece luogo di pura detenzione. Dietro le sbarre abita una miniera […]

  

In fuga da “10 Cloverfield lane” trovando il coraggio di uccidere

clo4clo110 CLOVERFIELD LANEclo2

È sempre stato così. Quando vado nel panico, scappo   Una donna in fuga. Da se stessa. Dal fidanzato e dal mondo. Storia di un incubo che prende corpo da un trillo di cellulare. Il buio che avvolge. E un presente che sa di angoscia. Michelle non conosce l’anfratto del proprio io. Il mistero di sentirsi reclusa in se stessa. A ucciderla non è un incidente stradale, ma il suo soccorritore. L’uomo, afflitto da infinite patologie e da un passato torbido in cui annega la scomparsa di moglie e figlie, racconta una storia vera. All’apparenza tuttavia paradossale. L’invasione degli alieni […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019