“Suburbicon”, ipocrisia all’americana nel paradiso dei piccoli Trump

SUBURBICONSUBURBICONSUBURBICON

Solo quando si diventa grandi si impara quello che è giusto fare…    Il paradiso in terra ha il sapore di un gioco finto. Il colore dell’irrealtà. Un sogno quasi fastidioso che denuncia una delle poche cose in cui l’uomo è maestro. L’ipocrisia. Suburbicon, immaginaria cittadina dell’America perbenista del secondo dopoguerra, non esiste sulle cartine geografiche ma ha i contorni di tanti villaggi nei quali pace sociale e tolleranza sembrano essere le sole padrone. Eppure. Eppure basta poco, anzi pochissimo, per mettere a nudo carenze e smagliature di un tessuto cittadino inquieto. Cementato dall’odio e verniciato di invidia. Costruito sul […]

  

Lo sguardo dei Coen su Hollywood: “Ave Cesare! Il cinema ti saluta”

ave1ave2ave5ave6ave7

Se il cinema è popolato di storie,  Ave Cesare! di Joel ed Ethan Coen è uno specchio. In esso si riflettono l’uno e le altre con un gioco a incastro che riesce a capovolgere i misteri dell’eterogeneità, riversandoli in un racconto che si sforza di essere invece omogeneo e compatto. Elementi solo all’apparenza disarticolati trovano un’insospettabile coesione proprio nel desiderio di raccontare che cosa stava dietro le quinte dell’era d’oro di Hollywood. Non c’è alcuna apparenza di autoreferenzialità, però, nei fotogrammi dei due registi. Piuttosto è metacinema, ossia un cinema che parla con ill linguaggio del cinema. Scanzonato come nello […]

  

“Monuments men” tra tesori perduti come sbiaditi Indiana Jones dell’arte

-Ti presento il signor Rembrandt. Mai visto prima, vero… -Molto lieto         La guerra è saccheggio. Bottino conquistato. Trofeo. La tracotanza del conquistatore è lo scalpo culturale inferto al vinto. I dipinti trafugati. Le sculture. Pegni di vittoria. E il museo delle bellezze sottratte all’altrui patrimonio diventa il fiore all’occhiello del trionfatore. O, semplicemente, il suggello di chi sottomette terre e popoli. E con essi si impossessa perfino della cultura. Conflitti di ieri e di un altro ieri, più lontano nello spazio e nel tempo, costellati da un’attenta razzia di capolavori dell’arte che hanno simboleggiato e “incoronato” […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2020