“Una giusta causa”, lento biopic sulla donna che scalò la Corte Suprema

imagesimages-1Unknown

Per Ruth Bader Ginsburg il rifiuto fu uno stimolo. Una delle nove donne ammesse a Harvard e successivamente laureata non trovò impiego negli studi legali. La discriminazione di genere non fu un ostacolo e, seppur a fatica, riuscì comunque a farsi strada. Il destro glielo offrì un caso che apparteneva allo stesso genere di ingiustizie di cui lei stessa fu vittima. Al contrario, però. Stavolta era un uomo a non ricevere giustizia vedendosi negato il risarcimento concesso alle donne che assistono un familiare in difficoltà. Il trionfo giudiziario di Ruth Bader Ginsburg si rivelò la valvola che consentì a tutti […]

  

“End of justice”, paladino dei deboli diventa squalo di se stesso

end1end2Denzel Washington stars in Roman J. Israel, Esq.

L’ingiustizia ci fa ardere d’ira. Ma non ci sommergerà.   La sera che Roman J. Israel, tornando a casa, si accorse di aver infranto la legge decise di intentare una causa contro se stesso. Non gli aveva detto bene la vita. E l’ultimo sgradevole atto fu la perdita dell’uomo che gli consentì di iniziare la carriera sempre sognata. Ma ciò che lo aveva spiazzato veniva dall’interno del suo animo. Dipendeva da lui e da lui era generato. Era quella sorta di innata purezza che lo portava a difendere ogni questione che attenesse ai principi, poco importa quali fossero causa ed […]

  

“Tre manifesti a Ebbing, Missouri”: la rabbia della signora Coen

man1man3man2

Parlando di se stessa allo specchio, Frances McDormand si è definita una “casalinga prestata al cinema”. Eppure in questa veste di damina non ha convinto nessuno. Lei, Oscar come miglior attrice per Fargo scritto dal marito Joel Coen e più vicina a Sigourney Weaver – altro epigono di mascolinità in gonnella – che a Julia Roberts, si trova più a suo agio con i camperos di John Wayne che con le ballerine della Bardot anni Sessanta. Quando era appena nata, ma tanto bastava già per farle accapponare la pelle. Se ci fossero ancora dubbi su un maschiaccio che sta meravigliosamente […]

  

“Paddington 2″, la genuinità del dono diventa una trappola pensata dagli uomini

pad4pad1pad3

La zia Lucy dice sempre che in ogni uomo c’è del buono. Basta cercarlo.   Tre anni dopo, Paddington è un orsetto ormai ambientato nella poco tranquilla Londra. S’avvicina Natale, ma questo conta solo per gli uomini che non vivono la finzione del piccolo pachiderma e vanno al cinema. Lui, il cucciolo della fiaba, non conosce il letargo ma sa bene che cosa sia la nostalgia. E il regalo che vuole acquistare non è di quelli destinati a finire sotto l’abete. Vuole inviarlo a zia Lucy, l’orsa che lo ha salvato dalla morte e vive il suo compleanno lontana da […]

  

“La ragazza nella nebbia”, giallo e noir sulle orme di Jara Gambirasio

ra1ra4ra3

Il peccato più sciocco del diavolo è la vanità. Ma se non appare mai in prima persona che senso ha il suo narcisismo…   Ossessioni in nero. Come la cronaca che parla di morti e innocenti, sacrificati sull’altare di una giustizia ingiusta, alle spalle della quale si nascondono colpevoli impuniti. Storie nate sui media, mostri da baraccone e delinquenti mascherati. Inquirenti con il pallino della televisione e luci di una ribalta da mediocri. La ragazza nella nebbia di Donato Carrisi è un giallo atipico e in questo sta la sua caratteristica di maggior spessore. Non c’è un cadavere. Non ci sono armi. […]

  

“Il segreto dei suoi occhi”: come riscrivere (inutilmente) un capolavoro

imagesimages-1images-3images-2

Ti sembra giustizia, ucciderlo in un attimo. Ed è tutto finito…   I bassifondi di Los Angeles puzzano di marcio. Non è corruzione. Ma dissoluzione. Costumi a brandelli. Morale da gettare alle ortiche. I cattivi restano impuniti. E’ la giustizia a girarsi dall’altra parte. Non sono i tribunali costruiti sui codici, ma un passo prima, gli inquirenti. I poliziotti che archiviano con faciloneria un caso tutt’altro che da seppellire. La punizione negata diventa un incubo per chi non accetta il vero presunto. Si ostina a ricercare responsabili che s’intrufolano fra le pieghe del baseball. Negli angoli bui di una metropoli […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019