“Suffragette”, la guerra delle donne per ottenere il diritto di voto

suf1suf2suf3suf5

L’eloquenza migliore? E’ quella che serve per migliorare le cose   Allora – ed erano i primi del Novecento – era normale subire le avance del capo. E nella lavanderia dove lavorava Maud era la regola. Nessuna si ribellava. Tutte subivano angherie e soprusi. Storia di diritti calpestati perché, in realtà, mai ricnosciuti. Eppure. Eppure la civilissima Gran Bretagna che per secoli ha voluto dare lezioni di civiltà al mondo era incivile quanto gli altri. Tutti gli altri. E nel 1903 le donne non avevano uno spessore. Non votavano. Lavoravano per tredici ore e facevano figli. Finché una ribellione, fatta […]

  

La guerra di “Torneranno i prati” Una “inutile strage” indimenticata

Una canzone è più potente di una schioppettata. Arriva dritta al cuore           La vita di un soldato vale dieci lire e una licenza nel bel mezzo di una notte al chiaro di luna. Quando la neve scintilla. E per chi deve uscire dalla trincea è una maledizione. Si vede tutto. Ma soprattutto. Il nemico vede tutto. E sa dove sparare. E’ una notte d’inverno del 1917 sul fronte di Asiago. Gli eserciti si fronteggiano nascosti nel nulla. Ma odorano la puzza della morte. Sentono le pulsazioni della paura. Ascoltano le voci della notte. Finché tutto […]

  

Grande guerra tra “Fango e gloria” Ma chi era davvero il milite ignoto…

Le promesse si mantengono. Anche da morti.             Guardando Roma dal Gianicolo svettano due chiazze bianche. Una è San Pietro e si sa tutto. L’altra, dietro piazza Venezia, è il mausoleo del Milite ignoto. L’altare della patria. Un soldato riposa lì dal 1921. Vi arrivò il 4 novembre. In treno. Da Aquileia. Terzo anniversario della fine del conflitto. Era uno dei tantissimi giovani, con buona approssimazione di certezza italiano, ad essere caduto al fronte. Ma non aveva un nome. Qualche leggenda, frutto di fantasia goliardica, è anche fiorita. Perfino recentemente. Tra libri dotti e azzardi […]

  

“Una promessa” fra due innamorati, pilotati dal grande burattinaio

Un amore tenuto segreto. Che gesto di immensa eleganza galante…           L’età del sentimento. I volti dell’amore. Cuore legato. Sposato. Cuore slegato. Innamorato. I confini del sentimento. E i confini del tempo. Un’età che fugge. Un’età che arriva. Un’età senza età. Tre protagonisti di un amore. Tre facce. Tre volti. Nessun triangolo. Non c’è competizione. Esiste complicità. Insondabile. Subliminale. Sottile. Congruenza, non esclusione. Anche se è la biologia, o forse il destino, a escludere. Entro questi steccati si muove Una promessa di Patrice Leconte. Siamo a inizio secolo. Ventesimo, s’intende. Anno del Signore 1912. E il […]

  

1914 Attacco al premio Viareggio

Candidato al premio Viareggio Repaci per la saggistica, il volume di Gian Enrico Rusconi 1914: attacco a Occidente celebra a modo suo l’anniversario di una guerra lontana, che l’ex docente di Sociologia e Scienza politica riesce a rendere vicina. Vicinissima. Chi oggi vi si dovesse accostare, via via sfogliandone le pagine, si sorprenderebbe a sentire così recente quella Grande guerra, in cui ciascuno di noi ha perso un nonno. O quanto meno ha visto un nonno combattere al fronte. E una nonna attendere. O addirittura piangere le lacrime amare di una perdita mai ricompensata. Racconti indelebili oggi nelle nostre memorie […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019