“Vi presento Christopher Robin”: così nacque il mito di Winnie the Pooh

vi1UAAM_08831.NEFvi3

Quello che conta è trovare qualcosa di cui essere felici e tenerselo stretto   Non tutti i genitori meritano un figlio. Blue e Daphne erano tra quelli. Il piccolo fu una delusione al primo istante perché era un maschio. Le sequenze iniziali di Vi presento Christopher Robin di Simon Curtis, regista di Woman in gold, mostra già un mondo capovolto che appare ancor più sconquassato dalla figura del protagonista, un reduce della prima guerra mondiale in preda alle ossessioni del conflitto dopo l’esperienza della battaglia della Somme, combattuta da luglio a novembre 1916. “Ho partecipato al più sanguinoso di tutti gli scontri, […]

  

“Frantz”, le verità in bianco e nero cancellano i sogni a colori

f5f1f3le-suicidef2

Cosa aggiunge la verità… Altre lacrime. Altro dolore   Si contavano i morti. Eredità raccapricciante della Grande Guerra, che ovunque aveva mietuto lutti e odio. Un destino iniquamente comune a ogni nazione, che lasciò strascichi inquietanti. Scie di rancore. Francia e Germania non riuscirono ad attutire una rivalità che vide un nuovo rigurgito di fuoco nel ’39. Ma la voglia di vendetta poté di più e un passaporto sbagliato o una nazionalità indesiderata accendeva una rivalsa immotivata. Quedlinburg, 1919. Davanti alla lapide di Frantz, soldato tedesco ucciso in trincea con inutile leggerezza come milioni di altri, piangevano in due. La […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019