“Tutti lo sanno”, Farhadi si è tuffato in un copione già visto

tutti1tutti2tutti3

I ritorni nascondono incognite. Il passato cela spesso un sommerso, talvolta tragico al momento in cui emerge, ma le sorprese – si sa – non sempre sono gradite e in molti casi non ammettono repliche. Troppo lungo il tempo trascorso. Troppo diverse le circostanze del presente. Ne sa qualcosa Laura, che torna nella casa di famiglia dopo lunghi anni. Il pretesto è il matrimonio della sorella che le offre la possibilità di ritrovare i luoghi natali. Ma la rimpatriata promessa si rivela ricca di colpi di scena. La donna scoprirà verità che sono a conoscenza di tutti. Eccettuata se stessa. […]

  

“Il tuo ultimo sguardo”: ecco l’Africa vista da Sean Penn e Javier Bardem

LF_01278LF1_5931.NEF

Molte persone sono state separate e divise dai loro sogni   L’Africa sotto scacco di se stessa. La guerra civile, quella che non guarda in faccia nessuno, vista dagli occhi delle missioni umanitarie. Medici senza frontiere, la più pacifista delle spedizioni non politiche nei luoghi dove la pace è un concetto senza tempo e senza tetto. Senza vita né peccato. Mutilazioni fisiche e morali. Oltraggi alla dignità. Prevaricazioni, condite da irrisioni al diritto di vivere. Sudan. Sierra Leone. Liberia. Nomi noti alle cronache. Nomi da disperati. Tredici anni di sofferenze, alternati all’Occidente composito e azzimato di giacche e cravatte e […]

  

“To the wonder”: finchè gioia non vi separi

incorporato da Embedded Video Finché gioia non vi separi. Lo potremmo sintetizzare così, un po’ azzardando. E’ To the wonder. Firmato Terrence Malick, il regista della Sottile linea rossa e The tree of life, che gli valse la Palma d’oro a Cannes nel 2010. E il film, nonostante abbia deluso la platea della Mostra del cinema di Venezia nel 2012, ha l’ambizione di porre allo spettatore interrogativi esistenziali ai quali sembra non offrire risposta. Ognuno metterà arbitrariamente la propria. Già, finché gioia non vi separi. Ovvero: può il dolore unire chi si ama, più dello stesso amore… E infine: questo […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019