“Dog days”, maestri a quattro zampe Un colpo di coda cambia la vita

dog2dog1

Il migliore amico dell’uomo e della donna ha quattro zampe e una coda. Questa però non è una gran notizia anche se sono in molti a far finta di non saperlo né vederlo. Dopo averli usati – perché questo, purtroppo, è il verbo giusto – tendono perfino a disfarsi di loro, non appena in casa arriva il pupo. Ma anche questa è storia nota. Sembrerebbe inutile ripeterla invece non la si sottolinea mai abbastanza. Dog days di Ken Marino, visto in molte commedie commerciali americane da Come ti spaccio la famiglia a Picooli brividi, è un film molto eterogeneo che mette insieme svariati […]

  

“Cafè society”: la vita in differita secondo la legge di Murphy

cafè1cafe6cafe2????????????????????????cafe5

Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo. E un giorno ci azzeccherai   L’amore è un sogno. Ma anche il lavoro è un sogno. Il denaro è un sogno. Il successo è un sogno. Una fidanzata che non imbrogli è un sogno. Una sorella intelligente è un sogno. Un cognato simpatico è un sogno. Un vicino di casa garbato è un sogno. E…  i sogni potrebbero continuare. Forse all’infinito. Perché “la vita è una commedia scritta da un sadico“. Il vangelo secondo Woody è fatto di paradossi e risate e al posto di un qualche dio – sadico o no […]

  

“Gli ultimi saranno ultimi”: pasticciaccio da infelici

UnknownUnknown-1Unknown-2images-1images

Gli ultimi saranno i primi, dice il Vangelo. Ma talvolta restano ultimi. E’ una geografia strana quella di chi sopravvive. Non ha successo. Lotta con i giorni. Un lunario sempre difficile da sbarcare. Un padrone di casa, sempre a batter cassa. Un marito sfaccendato. Un poliziotto maltrattato. E affari di cuore, sempre sul filo di cardiogramma piatti. E’ lo spaccato dei meno fortunati che, pur nelle pieghe delle loro tristezze, si sforzano di vivere. Normalmente. Come i primi. Quegli eletti ai quali è inevitabile guardare con l’occhio del desiderio. Essere al loro posto. Gli ultimi saranno ultimi di Massimiliano Bruno, […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019