“C’era una volta a… Hollywood”: quando il cinema riscrive la Storia

imagesimages-4images-3images-1

Io ci provo…   Un sogno. Narcosi della realtà. Il cinema inventa favole e rimescola le carte di un mazzo non sempre foltissimo. In uno scorcio di secolo in cui latita la fantasia e gli spunti sono storie vere tradotte sul grande schermo senza troppi innesti, c’è anche chi immagina. E vorrebbe correggere una realtà sgradevole. Disturbante. Odiosa. Un delitto che ha lasciato tracce indelebili, quello di Sharon Tate nell’eccidio di Cielo drive, che la losca “Famiglia” di Charles Manson trasformò in un inferno, una sera d’estate di cinquant’anni fa. Accanto a Charlie says di Mary Harron che ricostruisce i retroscena […]

  

“Revenant”: redivivo anche il pubblico

reve1reve3reve4reve2

Finché hai un attimo di vita continua a combattere   Un’odissea moderna. Un Ulisse che ha il volto di Hugh Glass, cacciatore assalito da un orso e ridotto in fin di vita, che – per la sua volontà d’acciaio e la sua tempra indomabile – riesce a non soccombere, nelle condizioni più estreme di alcune delle regioni dal clima più inospitale degli Stati Uniti. A condurlo al traguardo di una sorta di Itaca spersa nel nulla di ghiacci e praterie, è una Penelope con il volto di un’indiana d’America, sposa del protagonista, in viaggio con un Telemaco dalla sorte segnata. […]

  

Di Caprio “The wolf of Wall street” sbrana lo squalo Gordon Gekko

Il vantaggio di essere salvati dagli italiani è che poi ti offrono vino, cibo, balli e tanta musica…         C’era una volta lo squalo. Poi divenne un lupo. Metafora zoologica di avidità e cinismo. Negli abissi e sulle vette. Comunque, gli estremi. Il mestiere del lupo. L’arte e la spudoratezza di sbranare. Il fascino di divorare senza pietà, quasi per necessità. Quasi per dovere naturale. Aggressività senza rimorsi. Come l’indole prevede. E pretende. Un cattivo per definizione. Ma un cattivo che piace. Non è perfido né malvagio, è implacabile. Spinto da una fame inarrestabile. Un cattivo che […]

  

Il grande Gatsby tra Amore e sogno

Tutte le cose belle a questo mondo spariscono e non tornano più… Sapevo che quel bacio avrebbe cambiato per sempre il nostro destino   Jay Gatsby è e resta un uomo solo. Dopo quell’amore travolgente è solo. Solo con quell’amore travolgente che cinque anni di guerra non hanno cancellato. E nemmeno il matrimonio vigliacco con cui lei ha cercato consolazione a un’attesa snervante. Eppure quel bacio aveva cambiato per sempre il destino. Il denaro era solo un mezzo. Un artificio. Per Jay Gatsby i soldi servivano a organizzare serate fantasmagoriche, perché “le grandi feste sono così intime. Nelle feste piccole […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019