Hilary Swank premiata a Locarno: Pardo alla pugile di Clint Eastwood

Unknown-1Unknownimages

«E ora è meglio che cominci ad allenarti, cara». Il giorno che Clint Eastwood le rivolse queste parole, Hilary Swank capì due cose. Era stata scelta come protagonista di Million dollar baby. E la sua carriera, con quel ruolo di pugile, stava solo iniziando. Nonostante un Oscar già conquistato con Boys don’t cry, la sfida continuava. Quella ragazza del Nebraska, nata da umili origini, vissuta in un parcheggio per roulotte in un paesino al confine con il Canada, che non ha mai frequentato scuole da attrice, doveva farcela da sola. E l’ispettore Callaghan, quello del caso Scorpio, era il suo […]

  

Harvey Keitel al Festival di Locarno: “Scorsese è un fratello, Tarantino un genio”

IMG_0607

Non ha ancora scoperto chi stia bussando alla sua porta, Harvey Keitel. Eppure il prossimo anno è mezzo secolo che se lo domanda. Era il 1967 quando girò con Scorsese questa pellicola che si sarebbe rivelata un segno del destino. Il passaporto per una carriera sfolgorante e, soprattutto, una domanda con una risposta ancora in sospeso. Lo ha ammesso lui stesso a Locarno, dove è giunto accompagnato dalla moglie e dal figlio di 12 anni. Harvey Keitel ha ricevuto il Pardo ma si è ben guardato da fare apprezzamenti stile Cimino. “Sembra un pollo disse il regista de Il cacciatore, […]

  

“Florida”, capricci tristi da terza età

flo4flo1flo3

Il nome di uno stato. E di una fuga. Dal presente. Dall’anzianità. Dalla temuta fine di tutto. E perfino dalla demenza. Trasformazione di corpi e cervelli. L’ostinazione a volerci essere anche quando tutto sembra cospirare verso il non esserci più. Abdicare alla propria memoria. Gli ultimi bagliori prima delle tenebre. Le ultime impennate di un sentimento mai sopito che gli anni non possono offuscare o cancellare. Una corsa a perdifiato dentro e fuori dai confini del tutto. E dell’unità famiglia. Florida di Philippe Le Guay, apprezzato regista di Molière in bicicletta, è un fiume cinematografico in cui confluiscono apporti eterogenei. Un po’ […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019