“Valerian”, l’Olocausto nello spazio

val4val2val1

Amare è rendere felici e credere ciecamente all’altro   Guerre spaziali tridimensionali e pianeti che assomigliano a un Eden paradisiaco dove una sorta di missile ha piegato la vita di uomini felici. Non è lo stesso di quanto accade su Alpha, città del XXVIII secolo. Anno 2700 dopo Cristo. Galassie di misteri e tecnologie molto più che semplicemente avanzate. Proiezione ortogonale dell’uomo nello spazio incommensurabile delle galassie inconoscibili. Al punto che l’invenzione di Luc Besson, dopo Lucy sedotto ormai irrimediabilmente dal fascino incondizionato della fantascienza, suona come la frontiera di un’invenzione impossibile. Valerian e la città dei mille pianeti forse è proprio […]

  

La donna che ha sconfitto il tempo Nome di battaglia: “Lucy”

Miliardi di anni fa ci è stata donata la vita. Ora sapete che cosa farne.           Scienza e quotidianità. Forse cronaca. Droga e scientificità. Potenzialità cerebrali e trafficanti dal volto truce affiancato da chirurghi con lo lo sguardo persuasivo. Traffico di stupefacenti sintetici in cui i corpi umani, maschili e femminili diventano scatole. Contenitori. Passaporti e passaggi per esportare la polvere del nuovo choc e della nuova febbre di sere a cento all’ora. L’eroina è il passato. La cocaina sembra fuori moda. La nuova frontiera è sintetica. Si chiama CPH4, una sostanza naturale prodotta in bassissima […]

  

“Cose nostre” all’ombra di Scorsese

Quando invecchi, dentro di te sai se hai fatto qualcosa di strano, buono o cattivo e vuoi raccontare il tuo punto di vista.     Si chiamava Giovanni Manzoni, il boss. Perché al di qua o al di là dell’oceano se sei un mafioso hai un nome italiano. E se infatti il suddetto Giò Manzoni è un padrino che sotto mentite spoglie è trasferito in Europa dietro protezione, il suo cacciatore, Lucchese – anche lui italo più che americano – è rimasto laggiù a pilotare i picciotti dalla cella, perché facciano la pelle a Manzoni. Storie di mafia, insomma. Cose […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019