“Tito e gli alieni”, l’onirico incontro con gli ex terrestri nello spazio

tito2tito-e-gli-alieni-700x430tito3

Non si può più parlare con i morti.   E alla fine gli “alieni” vennero davvero. A stanarli un professore in preda alla nostalgia. Allo sconforto di una vedovanza che nel suo spirito ha seminato un’altra forma di morte. Inconsolabile. È solo nel deserto del Nevada, il prof. Abbandonato a una depressione che gli toglie la voglia di vivere e di studiare. Nel suo caso, il cosmo. L’universo e le sue galassie. Il laboratorio che ha costruito nel nulla di montagne dall’eco di Zabriskie point, “a due passi” dal divertimentificio di Las Vegas, è il silenzio di una solitudine incolmabile. Un […]

  

“Una settimana e un giorno” in Israele Lutto da “sballo” in chiave ebraica

setset

La perdita di un figlio. Il lutto. L’odio. La reazione. La tradizione ebraica e la sofferenza legata alla morte. Otto giorni – tanto si prolunga la Shiv’ah – durante la quale, chi resta viene aiutato e sostenuto da parenti e amici in visita nella sua casa. È l’elaborazione del dolore. La realizzazione della solitudine imposta da una disgrazia. Il dramma che la morte porta con sé e lascia in eredità a chi sopravvive. Una settimana e un giorno, presentato nella “Settimana della critica” al festival di Cannes 2016, è un’opera provocatoria firmata da Asaph Polonsky e totalmente israeliana nei connotati e non […]

  

Il blog di Stefano Giani © 2019